Archive for the 'Focus Economia Circolo' Category

Crisi:Fmi,i problemi dell’Italia vanno ben oltre questa recessione attuale.

 

disoccupazione OCSE

Fmi, l’allarme: i problemi per l’Italia vanno ben oltre questa recessione.

«I problemi dell’Italia vanno ben oltre questa recessione» e dipendono dal «basso potenziale di crescita» dell’economia. La diagnosi è di Ajai Chopra, vice direttore del Dipartimento europeo del Fondo monetario internazionale.

Debito PIL

Nel corso della conferenza stampa di presentazione del Rapporto regionale sull’Europa, l’economista ha osservato che «nel corso dell’ultimo decennio» l’Italia ha visto «declinare la produttività, ristagnare i redditi e allargarsi ulteriormente il gap di competitività».

Per questo, ha aggiunto, «bisogna agire con molta più forza per affrontare gli impedimenti strutturali alla crescita» che gravano sull’economia italiana.

IT 4

«RIPRESA SARA’ LENTA» Per quanto riguarda l’Europa, il Rapporto dell’Fmi sottolinea che «la recessione mostra segni di aver toccato il fondo». Ma, aggiunge, la ripresa rimarrà «lenta e fragile».

In particolare, le economie avanzate del vecchio continente segneranno quest’anno un calo del Pil pari al 4% per poi tornare a crescere dello 0,5% il prossimo, quelle emergenti perderanno invece il 6,6% nel corso del 2009 per risalire dell’1,7% nel 2010.

Tutto ciò a fronte di un Pil italiano stimato in calo del 5,1% quest’anno e in aumento dello 0,2% il prossimo. L’attività economica europea, rileva il Fondo, non potrà far conto sulle esportazioni per rilanciarsi, visto che i consumi americani resteranno stagnanti e l’Asia, seppure in crescita, non colmerà tale gap. E allo stesso tempo bisognerà far fronte alla crescente disoccupazione e alla scarsità di credito.

Prestiti alle famiglie

LE BANCHE E LA POLITICA – Per questo, prosegue l’analisi degli economisti dell’Fmi, «le autorità dovranno concentrare la loro attenzione sulle politiche necessarie ad assicurare una ripresa forte e duratura».

Il Fondo invita a proseguire senza indugi la pulizia dei bilanci delle banche: dovrà essere assicurata un’adeguata ricapitalizzazione degli istituti sani e la chiusura di quelli non più recuperabili, avverte il Rapporto. Contemporaneamente «le politiche fiscali e monetarie dovranno sostenere attentamente l’inversione del ciclo senza dimenticare di preparare l’uscita dalle misure straordinarie» messe in campo nel corso della crisi.

IT 2

«Ma in definitiva», conclude il Fondo, «muoversi rapidamente per riparare il danno causato dalla crisi al potenziale di crescita europeo è la cosa più importante. Solo alzando il potenziale di crescita dell’Europa nel lungo periodo potremo metterci per bene la crisi alle spalle».

Esportazioneextra UE

Inps: boom della cassa integrazione, assegni di disoccupazione su del 52 per cento.

Fonte: Italia Lavoro

Domande di disoccupazione in salita del 52,2%: con le pratiche accolte dall’Inps che si avvicinano al milione (984.286) tra l’inizio di agosto 2008 e la fine di luglio 2009.

Crescita vertiginosa per le ore di cassa integrazione ordinaria, che registrano un +409,4% tra il primo settembre 2008 e il 31 agosto 2009.

Sono alcuni dei dati contenuti nella relazione di Antonio Mastrapasqua, presidente e commissario straordinario dell’Istituto di previdenza, resi noti in occasione della presentazione dell’attività e dei risultati dell’Inps.

Sempre tra il primo settembre 2008 e il 31 agosto 2009, le ore di cassa integrazione straordinaria sono invece aumentate dell’86,7%. Le ore autorizzate di Cig hanno superato quota 615,5 milioni, per una crescita complessiva del 222,3%.

Per il 2010 si prevede che gli aventi diritto alle pensioni di anzianità siano destinati a salire a 176 mila unità, con un incremento pari al 49% rispetto ai 118 mila che possedevano tali requisiti nel 2009.

Approfondimenti:

Marcegaglia, tagliare le tasse alle imprese come in Francia

Auto, vendite in crescita in Francia.

Auto: a settembre vendite in crescita del 6,7%

IL MERCATO ITALIANO DELLE AUTOVETTURE PER MARCA E GRUPPO A  SETTEMBRE 2009

IMMATRICOLAZIONI IN ITALIA DI AUTOVETTURE E FUORISTRADA TOP TEN – SETTEMBRE 2009

Annunci

Crisi: Report del Circolo

copertina-report-marzo-2009

Report Economico – file pdf – pagine n.41

Indice:

Premessa.
Una Riflessione sulla crisi
Crisi, rivisto al ribasso il calo del PIL . Mai così male dal 1980.
Ocse: Produttività troppo bassa, l’economia italiana perde posizioni
Bankitalia: debito pubblico record.
Confcommercio: più tasse ai ricchi.
IL GOVERNO MINIMIZZA LA CRISI:
Crisi: Sacconi: In un decennio tasso occupazione più alto 7 punti.
Sacconi: difficoltà’ ma dati non drammatici.
Italia: sale la disoccupazione, nel 2009 persi 370mila posti.
Italia: Commercio estero e ordini in picchiata.
CGIL, I DATI SULLA DISOCCUPAZIONE FANNO PAURA.
ITALIA E LA QUESTIONE RETRIBUTIVA.
Credito al sistema produttivo
Unioncamere: Nel 2008 36 Mila Imprese In Più, Peggior Saldo Da 2003.
INFLAZIONE
La proposta del PD della tassa di Solidarietà, quanto incide nelle tasche dei ricchi?
UE, LA CRISI METTE A NUDO IL DELICATO EQUILIBRIO DELL’EUROPA SOLO MONETARIA.
FMI, NEL 2009 CRESCITA NEGATIVA.
Usa: crolla il Pil, sempre più ampi gli interventi pubblici.
Le parole per capire la crisi
Il costo della disoccupazione
Perché bisogna puntare alla piena occupazione?
Fonti.
Avvertenze

Crisi:PD, La crisi c’è e il governo?

POST – Sei Proposte Per Uscire Dalla Crisi

I sette obiettivi e le misure del Piano anticrisi del PD.

Il Piano anticrisi del PD – file pdf.pag.n.6

Approfondimenti:

I Nostri Post Sulla Crisi

I Nostri Contributi

EBook Dicembre 2008

Report Settembre 2008

Report Agosto 2008

Report Marzo 2008

PD Bientina:Idee e contributi 2008

copertina

Idee e contributi 2008 del Circolo territoriali di Bientina.

Scarica l’ebook – File pdf. pag.94

L’ebook dei contributi 2008 è stato distribuito in forma cartacea agli intervenuti della cena del PD del 13 Dicembre 2008.

L’ebook è andato in tipografia per la stampa alla fine di novembre, quindi i dati riportati sono aggiornati fino a quel periodo.

Il Circolo dispone ancora di alcune copie cartacee che saranno distribuite fino ad esaurimento.

Inflazione in calo, cresce la disoccupazione,salari in perdita

In Sintesi:

L’inflazione armonizzata in Italia si è portata a settembre al 3,7%, dal 4,2% di agosto, sostanzialmente in linea con l’area dell’euro (3,6%). Il livello risulta ancora più che doppio rispetto a quello di un anno prima (1,7% a settembre 2007).

L’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività nazionale (NIC) ha segnato una variazione positiva su base annua del 3,8%.

I capitoli di spesa relativi all’abitazione, ai trasporti e ai prodotti alimentari sono responsabili di oltre il 70% dell’inflazione complessiva.

Ad agosto, i prezzi alla produzione sono aumentati dello 0,2% rispetto a luglio e dell’8,2% nei confronti dello stesso mese di un anno prima.

Al netto del comparto energia, la crescita dei listini industriali si è attestata al 4,2%.

L’indice delle retribuzioni orarie contrattuali ha registrato ad agosto una variazione positiva dello 0,1% rispetto al mese precedente, con un incremento del 4,2% nei confronti dello stesso mese del 2007.

L’aumento registrato nel periodo gennaio-agosto 2008 rispetto al corrispondente periodo dell’anno prima è stato del 3,3%, inferiore a quello dell’inflazione.

Rispetto ad agosto del 2007, è nettamente diminuita la quota dei dipendenti in attesa di rinnovi contrattuali.

Tra aprile e giugno 2008 è cresciuto per il quarto trimestre consecutivo il numero di persone in cerca di occupazione.

Il tasso di disoccupazione è salito al 6,7%, dal 5,7% del secondo trimestre del 2007. E’ cresciuto lievemente il tasso di attività, mentre è rimasto stabile il tasso di occupazione.

In Dettaglio:

Continua a leggere ‘Inflazione in calo, cresce la disoccupazione,salari in perdita’

Focus Economico Settembre 2008

FOCUS SUI ALCUNI FATTI ECONOMICI DELL’ITALIA.

Indice Report:

Salari, l’Italia lontana dall’Europa

Disoccupati, quanto i sussidi e il welfare integrano i salari

Redditi, una famiglia su 2 vive con meno di 1.900 euro

Il credito in tempi di crisi.

Report Settembre 2008 – file pdf pag.7

Prezzi alla produzione ai massimi dal 1995 “l’andamento sulla natalità delle imprese è al lumicino”

Purtroppo le indicazione economiche prevedono quanto già affermato con il nostro Post del 14/08/2008 siamo in fase di stagflazione, e non sarà certo l’ottimismo di Berlusconi a farci uscire da questa crisi che si prevede lunga e tortuosa.

Un dato che i giornali di oggi non riportano, ma che è un segnale importante per capire cosa sta succedendo, è il dato sulla mortalita e natalità delle imprese che per la prima volta i sei anni nelle rivelazioni ISTAT segna un andamento negativo.

Va detto però che il dato dell’ISTAT si riferisce al 2006, di fatto l’ultima rivelazione di Unicamere conferma un  Trend più ottimistico ma logoro, segnale di un paese fiacco che non sarà certo con l’ottimismo che risolverà i suoi problemi. Le famiglie sono sempre più indebitate per far fronte agli impegni giornalieri, le imprese pagano costi superiori rispetto ai loro competitori sia UE che estra UE, la politica economica non è degna di questo nome, visto i tagli fatti con laccetta senza nessun criterio di priorità sociale.

E non sarà certo con il richiamo morale alla responsabilità sociale dell’impresa che i problemi strutturali verranno risolti.

Nella situazione attuale, occorrono responsabilità democratiche a tutti i livelli produttivi e di conoscenza, ognuno deve fare la sua parte per far funzionare il sistema Italia.

Ma va detto forte e chiaro che: chi chiede sacrifici “deve dare il buon esempio” e qui purtroppo la nostra classe dirigente non è delle più presentabilie, e delle più lungimiranti e priva del concetto di responsabilità democratica e quindi non concepisce la gestione delle risorse come ” scarse e poco riproducibili”.

In conclusione, leggiamoci i dati e sperate che io mi sbagli, anche perchè sarei contento di essermi sbagliato nelle mie piccole e dilettantistiche previsioni economiche.

Rivelazione Unicamere :

Aumentano le imprese in Italia, ma con sempre meno vitalità.

E’ quanto emerge dai dati elaborati da Unioncamere sulla base di Movimprese, la rilevazione trimestrale sulla natalità e mortalità delle imprese condotta sul registro delle imprese da InfoCamere, la società consortile di informatica delle Camere di commercio italiane (i dati completi sono disponibili sul sito http://www.infocamere.it). Secondo la rilevazione, il tasso di crescita trimestrale si è fermato allo 0,61%, il valore più contenuto degli ultimi sei anni e in ulteriore diminuzione rispetto allo 0,66% rilevato nello stesso trimestre del 2007. Tra aprile e giugno scorsi, è stato registrato un bilancio positivo per 36.869 unità tra ‘nascite’ e ‘morti’, come risultato del saldo tra le 112.550 imprese create e le 75.681 che invece hanno cessato l’attività. A determinare l’andamento del trimestre è stata la ridotta natalità, con le iscrizioni diminuite di poco meno di 4mila unità rispetto al corrispondente trimestre dell’anno precedente, mentre il numero di cancellazioni si è mantenuto sostanzialmente stabile (360 in meno rispetto allo scorso anno).

A determinare la minore vitalità del sistema anche la conferma che, dopo quasi due anni di spinta ininterrotta, le costruzioni non sono più il settore guida della crescita del tessuto imprenditoriale. Sono state infatti superate dall’area dei servizi alle imprese. Inoltre, si è registrata la frenata nella spinta delle società di capitale che, pur confermandosi la forma giuridica più vitale (+1,21% la crescita nel trimestre), perdono punti di crescita rispetto all’anno passato. A livello territoriale, le regioni del Centro Italia (del Lazio in particolare) si sono attestate su valori di crescita intorno alla media nazionale, dopo circa due anni di trimestri-record. Il totale delle imprese italiane registrate alle Camere di commercio, che include tutte le attività economiche sia attive sia inattive, con e senza addetti, a fine giugno 2008 si è attestato al valore di 6.101.110 unità.

Rispetto al totale delle imprese, il comparto artigiano mostra un andamento lievemente migliore nel trimestre, con un tasso di crescita complessivo pari allo 0,68%, pur arretrando più della media rispetto al risultato del corrispondente trimestre 2007, quando la crescita fu dell’1,07%. Alla ridotta crescita hanno contribuito sia le iscrizioni (quasi 5mila in meno rispetto a un anno fa) sia le cessazioni (cresciute di 600 unità rispetto al secondo trimestre 2007), con il saldo più basso degli ultimi sei anni.
Dalla rilevazione è emerso che sono 7 le regioni cresciute più della media nazionale: Lombardia (0,71%), Liguria (0,70%) e Piemonte (0,66%) nel Nord-Ovest, Toscana (0,70%) e Lazio (0,68%) nel Centro, Puglia (0,64%) e Calabria (0,69%) nel Mezzogiorno. Tutte le regioni del Nord-Est hanno fatto registrare un tasso minore o uguale alla media nazionale (0,61%), mentre le regioni delle circoscrizioni settentrionali (ad eccezione del Friuli Venezia Giulia) hanno fatto registrare tassi di crescita inferiori a quello dello stesso periodo dello scorso anno. Ruoli invertiti con le regioni del Mezzogiorno, che migliora la performance rispetto al 2007 da 0,45 a 0,53%. Lo scorso anno tutte le regioni del Sud erano al di sotto o al livello della media nazionale, mentre quest’anno cinque su otto hanno fatto registrare un tasso di crescita migliore di quello dell’anno precedente. Ciononostante, nel complesso la circoscrizione meridionale rimane quella con il tasso di crescita più basso del trimestre.

Istat, prezzi produzione a Luglio +8,3%, top dal 1995.

L’indice dei costi all’industria è salito oltre il livello massimo raggiunto 13 anni fa.

E’ il settore energia – petrolio, gas, elettricità – ad incidere maggiormente sulla variazione.
Balzo dei prezzi alla produzione. A Luglio – secondo i dati dell’Istat – l’indice generale dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali registra una crescita dell’8,3%, rispetto allo stesso mese del 2007, il livello più alto dal mese di settembre del 1995 quando la crescita si era attestata all’8,7%. L’indice tendenziale è stato del +4,1%.

Resta ancora il settore energia ad incidere negativamente sulla variazione dei prezzi alla produzione dell’industria italiana.

Il raggruppamento energia su base annua ha infatti registrato un aumento del 25%, il più alto dal novembre 2000 (+26,3%). Lo precisano i tecnici dell’Istat, evidenziando che al netto dell’energia si ha infatti un rallentamento dell’indice, al +4,1% dal +4,2% del mese precedente.

La variazione tendenziale dei prezzi alla produzione è dovuta, a livello di raggruppamenti, per il 60% all’energia (prodotti petroliferi raffinati, energia elettrica, gas e acqua) e per il circa il 20% ai prodotti intermedi. Il prezzo del petrolio oggi è in lieve rialzo sul mercato after hours di New York. Dopo il rally di ieri, il greggio ha guadagnato 63 centesimi portandosi a 118,78 dollari al barile.

Bankitalia: “Scende Pil area euro, segno di scarsa fiducia delle imprese”La notizia giunge insieme alla rilevazione di Bankitalia sul Pil nell’area euro.

Eurocoin, che fornisce ogni mese una stima della crescita di medio-lungo periodo del PIL nell’area dell’euro, è ulteriormente sceso in agosto, dallo 0,34% allo 0,17, il valore più basso dalla metà del 2003. Il risultato conferma la debolezza della crescita di fondo dell’area dell’euro. Il dato di agosto è stato influenzato negativamente soprattutto dalla pubblicazione

delle stime preliminari sulla crescita del PIL dell’area nel secondo trimestre (-0,2% sul periodo precedente) e, in misura minore, dal deterioramento del clima di fiducia delle imprese registrato dalle ultime inchieste congiunturali. Lo comunica il Servizio segreteria particolare della Banca d’Italia.

La nuova versione di €-coin – sviluppata dalla Banca d’Italia – mira a fornire una stima sintetica del quadro congiunturale corrente nell’area dell’euro. €-coin fornisce tale indicazione in tempo reale e la esprime in termini di tasso di crescita trimestrale del PIL depurato dalle componenti più erratiche (stagionalità, errori di misura e volatilità di breve periodo). €-coin è pubblicato mensilmente dalla Banca d’Italia e dal CEPR.

La stima di €-coin è ottenuta sfruttando un vasto insieme di serie storiche macroeconomiche (quali, ad esempio, gli indici di produzione industriale, i sondaggi congiunturali, gli indicatori di domanda e gli indici di borsa) da cui viene estratta l’informazione rilevante per la previsione della dinamica del prodotto nell’area.

Data la sua tempestività, la stima di €-coin per un particolare periodo precede di alcuni mesi l’uscita del dato ufficiale sulla crescita del PIL nell’area rilasciata dall’Eurostat. €-coin si caratterizza per le sue buone proprietà anticipatrici del tasso di crescita del PIL trimestrale.
La natalità e la mortalità delle imprese.

Nel 2006 nascono poco più di 284 mila imprese, circa 24 mila in meno rispetto all’anno precedente, con un tasso di variazione relativa, tra il 2005 e il 2006, pari a -7,8 per cento.

Il Tasso di natalità per l’anno 2006, pari al 7,1%, mostra un’inversione di tendenza nel fenomeno di entrata sul mercato da parte di nuove imprese, e registra il valore più basso degli ultimi 6 anni.

In particolare, sono i settori degli altri servizi e delle Costruzioni, da sempre caratterizzati da tassi superiori alla media generale, a segnare una marcata diminuzione rispetto al 2005 (rispettivamente di 1,4 punti percentuali il primo e di 0,7 il secondo).

I settori dell’Industria in senso stretto e del Commercio presentano, invece, una natalità pari a quella dell’anno precedente.

Nel 2005 cessano circa 298 mila imprese, 16.000 unità in più rispetto al 2004, con un tasso di mortalità medio annuo del 7,5 per cento (era 7,3 per cento nel 2004).

Particolarmente elevato il dato per i settori delle Costruzioni (9,1 per cento) e del Commercio (7,7 per cento), che presentano un tasso di mortalità al di sopra della media annua, mentre nei settori dell’Industria in senso stretto e degli altri servizi il tasso di mortalità rimane sostanzialmente invariato rispetto all’anno precedente.

Approfondimenti:

ISTAT: La natalità e la mortalità delle imprese 2001/ 2006

ISTAT: Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali

Banca D’Italia: L’economia italiana in breve 16/08/2008

Banca D’Italia: In agosto €-coin indica un ulteriore indebolimento della fase congiunturale


ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Contattaci

Circolo Bientina

  • Primarie 2009

Varie Bientina

Siti di area PD

  • Area Dem

Dossier Crisi

Dossier Encicliche Sociali

    Articoli Encicliche - Eletti PD

Dossier Articoli Crisi Economica

  • Pulsante keynesiano
  • Lezioni per il futuro

Documenti Crisi Economia Circolo

  • Crisi Globale
  • Focus Economia

Festa Nazionale PD

Link Iniziative

Web TV

RSS New Wikio

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Libreria Circolo

Le Riviste Disponibili Nel Circolo

Libri Disponibili Nel Circolo

Documenti Vari

Documenti Esterni

  • Rapporti

Workig Papers

Link PD

Sito Nazionale

Gruppi Parlamentari

Unione Provinciale

Unione Regionale

Gruppi Regionali

Iniziative Locali

Link Vari Area PD

    Eletti In Toscana

Programmi

Programma PD

New Agenzie

  • New Google Birmania
      • Rasegna stampa pd
      • ANSA IT
      • ANSA Live UE
    • news google

    Sondaggi e Ricerche

    • ipr marketing

    citizen journal

    Link Vari

    Associazioni

      Osservatori

    Democratici Nel Mondo

    • Logo Democratic
    • Sito Barack Obama
    • Sito Hillary Clinton

    Iniziative Umanitarie



    Organismi – Istituti E Commissioni Di Ricerca

    • Unione Europea
    • censis
    • cnel
    • cnel commissione lavoro
    •  glocus logo
    • ISAE
    • ICE
    • Unicamere
    • logo Airi
    • Eurispes
    • Logo APAT
    • FMI
    • WTO
    • Banca Mondiale

      Commissioni

        • Logo Cefass

    Categorie

    Archivio Per Mese