CRISI:Fincantieri, gli esuberi sono 2.500 chiusura per Castellammare e Sestri


Fonte: Keynesiano

Fincantieri, gli esuberi sono 2.500 chiusura per Castellammare e Sestri.

Il piano industriale predisposto dal gruppo prevede un deciso ridimensionamento anche del cantiere ligure di Riva Trigoso che perderà le costruzioni militari. L’azienda: mercato a picco, scelte inevitabili. I dipendenti campani in presidio sotto la sede di Confindustria.

Continua a leggere l’articolo su Repubblica.it

I 2.500 esuberi pari al 30% della forza lavoro attualmente impiegata nel Gruppo (8.500 persone in 8 cantieri), tutto questo accade in una azienda di proprietà dello stato, con i bilanci in attivo e il portafoglio ordini in aumento nonostante la crisi. Se questo è l’esempio di solidarietà del management stipendiato con i nostri soldi c’è da domandarsi come deve comportarsi il privato quello che rischia soldi propri, quale Moral suasion” potranno mai fare i nostri politici?.

Purtroppo la Crisi non ha insegnato nulla, per il momento non c’è nessun anticorpo che ostacoli il “pensiero unico” è sempre il mercato che guida le decisioni politiche. Come era prevedibile Machionne ha fatto scuola!

Un management che costa sei milioni di euro non è in grado di trovare soluzioni fuori dagli schemi anarcoliberisti. MA PER CHI DEVE ESISTERE FINCANTIERI ?

******

lunedì 28 marzo 2011

FINCANTIERI: APPROVATI RISULTATI 2010 CHE CONFERMANO GESTIONE ORDINARIA POSITIVA E SOLIDITA’ FINANZIARIA DEL GRUPPO

Dal sito di Fincantieri: Comunicati stampa e News

• Ordini per euro 1.912 milioni in aumento, nonostante la situazione di grande difficoltà per la cantieristica, che portano il portafoglio a euro 8.888 milioni;

• Ricavi pari a euro 2.876 milioni in riduzione per la minore attività produttiva;

• EBITDA pari euro 179 milioni e EBITDA margin al 6,2%;

• Risultato della gestione ordinaria positivo per euro 53 milioni e Risultato d’esercizio negativo per euro 124 milioni, per effetto di oneri non ricorrenti e straordinari dovuti alla riduzione del carico di lavoro, alla pressione sui prezzi dei nuovi ordinativi legata al contesto competitivo che si è notevolmente aggravato e ad accantonamenti vari al fondo rischi, per eventi non attinenti alla gestione ordinaria;

• Posizione finanziaria netta positiva per euro 100 milioni, in forte miglioramento rispetto al 2009 (negativa per euro 151 milioni).

******

Roma, 28 marzo 2011 – Il Consiglio di Amministrazione di Fincantieri, riunitosi oggi, ha esaminato e approvato il progetto di bilancio consolidato e il bilancio d’esercizio relativi all’anno 2010:

Nel corso del 2010 sono stati acquisiti ordini per euro 1.912 milioni, che, sia pure in lieve incremento rispetto al dato del 2009 pari a euro 1.758 milioni, risultano nettamente inferiori al dato del 2008 pari a euro 2.528 milioni e, ancor più, rispetto al valore record del 2007 pari a euro 4.238 milioni. Tale decremento è conseguenza del perdurare della situazione di crisi internazionale i cui primi segnali si sono già manifestati nel corso del 2009 e che ha portato ad una significativa contrazione della domanda di nuove unità in tutti i segmenti di riferimento dell’Azienda.

In particolare sono stati acquisiti ordini per due unità da crociera da 141.000 tsl per il marchio Princess Cruise Line del Gruppo Carnival, nonché due unità stealth (classe Falaj 2) per gli Emirati Arabi Uniti e due unità per la Guardia Costiera nel comparto militare. La controllata americana Fincantieri Marine Group si è aggiudicata in partnership con Lockheed Martin Corporation, la prima LCS (Littoral Combat Ship) facente parte di un contratto che comporterà la costruzione di 10 unità le cui opzioni potranno essere esercitate dalla US Navy entro il 2015 (il programma complessivo prevede la realizzazione di 55 unità entro il 2020, due delle quali già assegnate a Fincantieri Marine Group nel corso dei precedenti esercizi). Nel corso dell’esercizio Fincantieri Marine Group si è aggiudicata inoltre una nave oceanografica per l’ente governativo NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration), e 39 piccoli pattugliatori RB-M (Response Boats-Medium) per la US Coast Guard. Infine sono stati acquisiti ordini per euro 44 milioni nel business riparazioni e trasformazioni ed euro 72 milioni in quello dei sistemi e componenti.

Il Gruppo ha risentito a livello di andamento economico della situazione di crisi, più in particolare:

– Ricavi: risultano pari a euro 2.876 milioni con un decremento del 12,0% rispetto al 2009; tale riduzione si è determinata a seguito della minore attività produttiva sviluppata rispetto all’esercizio precedente;

– EBITDA: è pari euro 179 milioni con un’incidenza sui ricavi (EBITDA Margin) pari al 6,2% (contro il 3,8% nel 2009). Segna un positivo andamento della gestione caratteristica e beneficia di positivi effetti connessi all’andamento del cambio Euro/Dollaro;

– Risultato d’Esercizio ante oneri non ricorrenti e straordinari: si attesta ad euro 53 milioni, in aumento rispetto a quello del passato esercizio (euro 24 milioni) anche per il significativo contributo delle controllate americane;

– Risultato d’Esercizio: si attesta ad un valore negativo pari a euro 124 milioni, in peggioramento rispetto al valore dell’esercizio 2009 (euro 64 milioni) per effetto dell’incremento dei sopra descritti oneri non ricorrenti e straordinari;

Va inoltre evidenziato che:

– La crisi economica internazionale si sta rivelando più lunga del previsto, con previsioni di domanda di nuove navi inferiori rispetto al passato. Infatti, l’Azienda ha dovuto fronteggiare anche nell’esercizio 2010 problemi di vuoti di carico di lavoro;

– In tale contesto è ancor più importante continuare sulla strada già intrapresa dal Gruppo di un continuo efficientamento dei processi aziendali volti, oltre ad una riduzione dei costi a tutti i livelli aziendali, anche e soprattutto ad un costante recupero in termini di produttività. Inoltre si dovrà analogamente procedere nelle azioni di sviluppo dei ricavi attraverso il consolidamento della posizione in nuovi settori di business ed una sempre maggiore internazionalizzazione.

Gli investimenti (pari ad euro 58 milioni) sono relativi al completamento di progetti già avviati negli esercizi precedenti al fine di accrescere l’efficienza produttiva, ed a investimenti per il miglioramento delle condizioni di sicurezza e di rispetto dell’ambiente. Tale valore include anche la continuazione del programma di investimenti in atto sui cantieri Americani.

Va inoltre rilevato il positivo livello della posizione finanziaria netta che al 31 dicembre 2010 è attiva per euro 100 milioni.

Approfondimenti:

Breve storia di Fincantieri

Il sito di Fincantieri

Bilanci Fincantieri

Fincantieri licenzia 2551 lavoratori. Proteste e scontri in Liguria

L’ascensore sociale va solo in discesa. L’Italia si sente sempre più povera

SONDAGGIO DEMOS-COOP, ITALIA .


maggio: 2011
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Contattaci

Circolo Bientina

  • Primarie 2009

Varie Bientina

Siti di area PD

  • Area Dem

Dossier Crisi

Dossier Encicliche Sociali

    Articoli Encicliche - Eletti PD

Dossier Articoli Crisi Economica

  • Pulsante keynesiano
  • Lezioni per il futuro

Documenti Crisi Economia Circolo

  • Crisi Globale
  • Focus Economia

Festa Nazionale PD

Link Iniziative

Web TV

RSS New Wikio

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Libreria Circolo

Le Riviste Disponibili Nel Circolo

Libri Disponibili Nel Circolo

Documenti Vari

Documenti Esterni

  • Rapporti

Workig Papers

Link PD

Sito Nazionale

Gruppi Parlamentari

Unione Provinciale

Unione Regionale

Gruppi Regionali

Iniziative Locali

Link Vari Area PD

    Eletti In Toscana

Programmi

Programma PD

New Agenzie

  • New Google Birmania
      • Rasegna stampa pd
      • ANSA IT
      • ANSA Live UE
    • news google

    Sondaggi e Ricerche

    • ipr marketing

    citizen journal

    Link Vari

    Associazioni

      Osservatori

    Democratici Nel Mondo

    • Logo Democratic
    • Sito Barack Obama
    • Sito Hillary Clinton

    Iniziative Umanitarie



    Organismi – Istituti E Commissioni Di Ricerca

    • Unione Europea
    • censis
    • cnel
    • cnel commissione lavoro
    •  glocus logo
    • ISAE
    • ICE
    • Unicamere
    • logo Airi
    • Eurispes
    • Logo APAT
    • FMI
    • WTO
    • Banca Mondiale

      Commissioni

        • Logo Cefass

    Categorie

    Archivio Per Mese