Crisi: I giovani sono “indignados”,e hanno ragione!

Ancora 7 giorni di protesta in Spagna,; oggi il paese al voto. Gli indignatos hanno prorogato l’occupazione della Puerta del Sol a Madrid. In tutto il paese si vota per i consigli comunali.

Fonte: keynesiano

I manifestanti, che occupano la piazza della Puerta del Sol a Madrid per protestare contro la disoccupazione e i partiti politici, hanno deciso di prorogare di almeno una settimana la loro contestazione. La decisione del movimento che è stato ribattezzato degli ‘indignados’ è stata presa durante una votazione per alzata di mano.

La decisione arriva nel giorno in cui gli spagnoli, in tutto il paese, sono chiamati a votare per le elezioni regionali e amministrative, che dovrebbero rivelarsi una “batosta” per i socialisti al potere vista l’ondata di ribellione sociale contro la disoccupazioni e la crisi che scuotono il Paese. I primi risultati si avranno in serata, attorno alle 22, a due ore dalla chiusura delle urne.

“Abbiamo deciso di restare almeno una settimana, fino a domenica prossima alle 12”, ha annunciato uno degli organizzatori del movimento di fronte all’assemblea generale, mentre una parte dei manifestanti chiedeva un’occupazione della piazza a tempo indeterminato.

Il movimento di contestazione, nato il 15 maggio attraverso i social network, riunisce principalmente (ma non solo) i giovani e aveva inizialmente previsto di occupare Puerta del Sol fino a questa domenica, giornata delle elezioni regionali e amministrative in Spagna. Il movimento, che si dice apolitico, si è rapidamente esteso a tutte le città della Spagna dove decine di migliaia di persone sono scese in piazza.

La disoccupazione giovanile in Europa.

Come si vede dal grafico sopra, la disoccupazione giovanile in Spagna è al 44,3% contro una media europea del 19,9% e una media dei Paesi in considerazione del 25,45%. Nonostante le riforme varate dal governo Zapatero l’econimia Spagnola non decolla dopo anni di crescita. L’economia Spagnola viene tuttora considerata da molti come vulnerabile alle turbolenze nel comparto bancario e sui mercati del debito con un sensibile ampliamento dei differenziali di rendimento rispetto al ‘porto sicuro’ dei titoli tedeschi.

Altri punti caldi in Europa

In Portogallo.

Sempre oggi si è aperta ufficialmente in Portogallo la campagna per le politiche anticipate del 5 giugno convocate dal presidente Anibal Cavaco Silva dopo le dimissioni il mese scorso del premier socialista Josè Socrates. I sondaggi danno per ora in leggero vantaggio sul Ps il principale partito dell’ opposizione di centrodestra, il Psd di Pedro Passos Coelho. Gli ultimi sondaggi danno al Psd fra il 35,7% e il 31,1% delle intenzioni di voto, dal 34,1% al 29,5% al Ps. Il vincitore dovrà comunque rispettare gli impegni presi con Ue e Fmi in cambio del piano di salvataggio finanziario da 78 miliardi.

La Grecia.

La crisi greca tiene quindi sotto scacco i mercati, spaventati dalla eventualità che la situazione precipiti rapidamente verso il fallimento del paese e contagi anche altre economie. Una situazione che ha portato venerdì l’agenzia di rating Fitch a declassare nuovamente i titoli di Atene, con la valuta unica europea che oramai ha perso il 5% dall’inizio del mese. La prossima settimana non si annuncia facile sui mercati nemmeno per la Spagna, la quarta economia della zona euro, colpita anch’essa da timori di ‘contagio’.

Guardando alla situazione diversi economisti affermano che in “in Grecia c’è un rischio default e c’è rischio di pressione per un’uscita dall’euro”. Ieri il ministro delleconomia Francese, possibile candidata alla guida del FMI Christine Lagarde, lancia l’allarme “la Grecia è a rischio default”.

Questa soluzione per alcuni economisti “sarebbe l’unica via d’uscita perchè la Grecia risolva temporaneamente i suoi problemi.

Le conseguenze dell’uscita della Grecia dall’Unione Europea.

Se la Grecia va in default vuol dire che è chiaro a tutti il fallimento dell’Unione Europea fondata sull’unione monetaria e non invece sull’unione politica che vuol dire unione del welfare, delle tasse ecc.

Se l’Europa non si affretta ad andare verso questa strada andando oltre l’euro per fare l’unificazione reale, la via greca e il malessere dei giovani europei è l’anticipazione del fallimento del mercato e della politica monetaria come unico collante di coesione e benessere sociale.

Banchieri, moneta e mercato non possono sostituirsi alla politica perchè sono istituzioni sorde alle esigenze dei cittadini.

Spezzare le reni alla Grecia non serve a salvare l’Europa

Fonte: Paneacqua

L’operazione Ue iniziata con il prestito di un anno fa è fallita. L’alternativa non sta più tra il default e il salvataggio, ma su come operare la ristrutturazione del debito greco. Naturalmente c’è chi con grande ipocrisia sostiene che la ristrutturazione del debito sarebbe una sciagura per la Grecia e per l’Europa. Fra questi il nostro rappresentante nella Bce, Lorenzo Bini Smaghi. Ma si sarebbe dovuto pensarci prima, ponendo condizioni meno distruttive dell’economia reale greca al momento della concessione del maxiprestito

E’ passato giusto un anno da quando l’Europa è corsa in soccorso della Grecia. In una storica riunione del Consiglio europeo la Ue decideva – vincendo le resistenze della Merkel, timorosa dalle imminenti scadenze elettorali nei Länder che comunque avrebbe perso di lì a poco – di concedere al paese ellenico, con il concorso del Fondo monetario internazionale, un maxiprestito di 110 miliardi di euro. Non fu un atto di generosità. Il problema è che in modo particolare le banche francesi e tedesche erano piene di titoli di stato ellenici che non avrebbero avuto alcun valore in caso di fallimento dello stato greco. Evitare il default della Grecia significava perciò allontanare un disastro da casa. Tuttavia quello è stato un passo importante perché sottolineava che l’Europa non si pensava più come semplice unità monetaria o commerciale, ma come una forza economica capace di intervenire per salvaguardare la sua integrità in quanto tale. Solo che l’operazione fu fatta a un costo insopportabile per il popolo e l’economia della Grecia. Da allora a oggi non si contano gli scioperi generali, le manifestazioni di piazza, le proteste contro le durissime condizioni accettate dal governo di Papandreou in cambio del prestito.

Malgrado tutto questo siamo tornati al punto di partenza. Anzi peggio. La Grecia è nuovamente sull’orlo del fallimento e questa volta appare davvero difficile evitarlo. La potentissima Standard&Poor’s – una delle tre agenzie che dominano il mercato mondiale del rating e contro le quali la procura di Lisbona ha aperto un inchiesta per pratiche abusive – ha tagliato il rating sulla Grecia di due gradini, Moody’s, per ora, di uno. Il debito greco alla fine del 2010 è salito al 142,8% e non smette di crescere, visto che il deficit annuo è oltre il 10%. Il rendimento sui titoli a dieci anni è salito al 15,879%, esattamente il doppio di un anno fa, quando il maxiprestito venne deciso. I mercati quindi considerano la Grecia alla stregua di un paese africano e neppure dei più floridi. Naturalmente l’occupazione, le pensioni e i salari sono andate a picco, ma di questo gli investitori privati e istituzionali si curano assai di meno.

In parole povere l’operazione iniziata con il prestito di un anno fa è fallita. L’alternativa non sta più tra il default e il salvataggio, ma su come operare la ristrutturazione del debito greco. Naturalmente c’è chi con grande ipocrisia sostiene che la ristrutturazione del debito sarebbe una sciagura per la Grecia e per l’Europa. Fra questi il nostro rappresentante nella Bce, Lorenzo Bini Smaghi. Ma si sarebbe dovuto pensarci prima, ponendo condizioni meno distruttive dell’economia reale greca al momento della concessione del maxiprestito.
Non ci voleva un premio Nobel in economia per capire che la Grecia andava aiutata con prestiti a tassi che fossero almeno pari – molto meglio se inferiori – a quelli medi praticati nell’Eurozona. Invece si è fatto il contrario, visto che le banche, quelle tedesche in testa, sulle disgrazie greche volevano a tutti i costi guadagnarci. Ancora una volta la cupidigia ha fatto velo sulla capacità previsionale di medio periodo.

Oggi si torna a parlare della necessità di incrementare il prestito di altri 60 miliardi di euro. Ma, poiché non si vuole cambiare la logica, si rischia di prolungare la trafila dei prestiti all’infinito, con la conseguenza di cancellare qualsiasi tipo di parvenza di sovranità ad uno stato greco già ampiamente dimezzato nelle sue potestà. D’altro canto, il fallimento della Grecia provocherebbe guai non da poco, che comporterebbero conseguenze dirette e gravi anche per il nostro paese. Se infatti la Grecia fallisse la conseguenza immediata sarebbe l’aumento del premio al rischio dei paesi più indebitati, come il nostro, da parte dei mercati. A quel punto le risorse del nascente Meccanismo europeo di stabilità (Esm) – che entrerà in funzione nel giugno 2013 – potrebbero non bastare per sostenere quei paesi (i famosi Pigs). I paesi più forti, Francia e Germania in testa, a questo punto conoscerebbero gravi difficoltà nel sopportare il peso degli aiuti, con il rischio di un aumento esponenziale dei loro debiti pubblici e perdita di considerazione da parte delle famigerate agenzie di rating. Per evitare questo altri paesi verrebbero lasciati fallire. Il che significherebbe la fine dell’Europa così come l’abbiamo conosciuta, malgrado i suoi vuoti e i suoi difetti.

Per questo sono assai poco credibili le proteste contro la ristrutturazione del debito greco. Poiché gli atti di preveggenza, per non parlare di generosità, non fanno parte dell’attuale quadro politico europeo e del sistema economico che lo regge, la strada più convincente sembra essere quella di predisporre una ristrutturazione la più indolore possibile del debito greco. Nouriel Roubini ha avanzato una sua proposta che parte dal presupposto di non abbattere per ora il valore nominale del debito, ma di agire sulla riduzione a tassi molto inferiori a quelli attuali di mercato per quanto riguarda il nuovo debito. Esperienze in questo senso ci sono state, dall’Uruguay alla repubblica Domenicana, dal Pakistan all’Ucraina, quindi situazioni e condizioni differenti, dove però una ristrutturazione dolcemente guidata del debito ha funzionato. Gli anglosassoni, le vestali della lingua ufficiale della finanza mondiale, parlano in questo caso di ristrutturazione market friendly.

Come si vede si tratta un ossimoro clamoroso, dal momento che per definizione i mercati non possono, oltre a non volerlo, mai essere amici. Per giunta sono anche miopi. Infatti siamo entrati in un circolo vizioso. Come osserva Martin Wolf, l’editorialista del Financial Times, quando i paesi potevano sovraindebitarsi in valuta nazionale, perché la stampavano, vedevano crescere l’inflazione, ora che sono entrati nell’euro, e si indebitano in valuta straniera, vanno in default. Evitarlo dovrebbe essere una responsabilità comune dell’Europa che dovrebbe essere gestita non con criteri di mercato. Ma le nuove scelte assunte nell’ultimo consiglio europeo di fine marzo vanno in tutt’altra direzione. Stabilire la priorità assoluta del rigore finanziario significa soffocare l’economia reale. Ancora una volta il caso della Grecia è paradigmatico. Spezzarle le reni non è servito a salvare l’Europa.

Approfondimenti:

Lite Parigi-Berlino sul salva-Stati

Trichet: se la Grecia ristruttura il debito la Bce non accetterà bond ellenici come garanzia

Bini Smaghi Bce: “Grecia? Il ritorno sul mercato dipende da loro”


maggio: 2011
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Contattaci

Circolo Bientina

  • Primarie 2009

Varie Bientina

Siti di area PD

  • Area Dem

Dossier Crisi

Dossier Encicliche Sociali

    Articoli Encicliche - Eletti PD

Dossier Articoli Crisi Economica

  • Pulsante keynesiano
  • Lezioni per il futuro

Documenti Crisi Economia Circolo

  • Crisi Globale
  • Focus Economia

Festa Nazionale PD

Link Iniziative

Web TV

RSS New Wikio

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Libreria Circolo

Le Riviste Disponibili Nel Circolo

Libri Disponibili Nel Circolo

Documenti Vari

Documenti Esterni

  • Rapporti

Workig Papers

Link PD

Sito Nazionale

Gruppi Parlamentari

Unione Provinciale

Unione Regionale

Gruppi Regionali

Iniziative Locali

Link Vari Area PD

    Eletti In Toscana

Programmi

Programma PD

New Agenzie

  • New Google Birmania
      • Rasegna stampa pd
      • ANSA IT
      • ANSA Live UE
    • news google

    Sondaggi e Ricerche

    • ipr marketing

    citizen journal

    Link Vari

    Associazioni

      Osservatori

    Democratici Nel Mondo

    • Logo Democratic
    • Sito Barack Obama
    • Sito Hillary Clinton

    Iniziative Umanitarie



    Organismi – Istituti E Commissioni Di Ricerca

    • Unione Europea
    • censis
    • cnel
    • cnel commissione lavoro
    •  glocus logo
    • ISAE
    • ICE
    • Unicamere
    • logo Airi
    • Eurispes
    • Logo APAT
    • FMI
    • WTO
    • Banca Mondiale

      Commissioni

        • Logo Cefass

    Categorie

    Archivio Per Mese