Crisi:OCSE,crescita lenta

Fonte:keynesiano

La crescita economica si stabilizza, ma con scenari diversi da Paese a Paese. È quanto emerge dal dal super-indice Ocse relativo al mese di ottobre che cresce dello 0,1% a quota 102,6.

Tuttavia, per l’Italia l’Organizzazione per lo sviluppo e la cooperazione economica evidenzia un calo degli indicatori (-0,1 punti) per il quarto mese di fila, con un dato assolutamente immutato rispetto allo stesso mese del 2009.

Il super.indice dell’Ocse sull’attività economica in Italia, a ottobre, si è infatti attestato a 103,1 punti, in calo dai 103,2 registrati nel mese di settembre. Tra le maggiori economie europee, anche in Germania il superindice ha segnato meno 0,1 punti su mese, mentre la variazione annua è positiva di 6,8 punti su anno; calo mensile di 0,1 punti anche in Gran Bretagna, con più 0,4 punti su anno; in Francia super-indice a più 0,1 punti su mese ma meno 1 punto su anno.

Segnali di miglioramento dell’attività economica emergono invece negli Stati Uniti (+0,3).

Fuori dalla zona Ocse, forte rallentamento, per il quinto mese di fila, in Brasile (-0,3 punti) mentre il balzo in avanti più consistente è messo a segno dall’economia della Russia (+0,7 punti in un mese, +8,3 in un anno). Continua, infine, l’espansione delle economie asiatiche ma a un ritmo inferiore rispetto a quello del primo semestre.

L’organizzazione parigina, che anche per Canada (-0,1) e India (-0,2) prevede uno scenario di recessione, immagina un “passo di espansione stabile” per l’intera area e per l’eurozona.

Nel rapporto si afferma che un rapido allentamento della politica monetaria, un massiccio intervento per sostenere il sistema finanziario e politiche fiscali di supporto hanno aiutato a stabilizzare il sistema finanziario e a mitigare la contrazione della domanda privata.

Nonostante la ripresa, i rischi permangono. In particolare, l’Ocse sottolinea la necessità di adottare misure di consolidamento fiscale, anche se nel breve periodo queste ultime potrebbero frenare la crescita.

“La posizione fiscale è fortemente peggiorata, portando ad ampi deficit e aumentando il debito già elevato di alcuni Stati dell’eurozona” tanto da richiedere piani “dettagliati e credibili” per stabilizzare le finanze pubbliche.

Un prolungato consolidamento finanziario e ulteriori riforme saranno necessarie per portare il debito a un livello più sostenibile e aumentare le possibilità di fronteggiare altri shock.

Nonostante le condizioni finanziarie si siano “rafforzate” i problemi del sistema bancario non sono stati ancora risolti del tutto. In particolare, la debolezza della regolamentazione finanziaria e della supervisione hanno creato un ambiente propenso a un’eccessiva presa di rischi.

“Il rischio è stato sottostimato, in alcuni casi i cuscinetti di capitali si sono rivelati inadeguati e la gestione della liquidità non è stata sufficientemente monitorata”, aggiunge il rapporto. In quest’ottica l’Ocse accoglie positivamente il fatto che gli stress test siano stati condotti a livello comunitario, incrementando la trasparenza e rafforzando la credibilità del settore finanziario dell’Eurozona.

0 Responses to “Crisi:OCSE,crescita lenta”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




dicembre: 2010
L M M G V S D
« Ott   Gen »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Contattaci

Circolo Bientina

  • Primarie 2009

Varie Bientina

Siti di area PD

  • Area Dem

Dossier Crisi

Dossier Encicliche Sociali

    Articoli Encicliche - Eletti PD

Dossier Articoli Crisi Economica

  • Pulsante keynesiano
  • Lezioni per il futuro

Documenti Crisi Economia Circolo

  • Crisi Globale
  • Focus Economia

Festa Nazionale PD

Link Iniziative

Web TV

RSS New Wikio

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Libreria Circolo

Le Riviste Disponibili Nel Circolo

Libri Disponibili Nel Circolo

Documenti Vari

Documenti Esterni

  • Rapporti

Workig Papers

Link PD

Sito Nazionale

Gruppi Parlamentari

Unione Provinciale

Unione Regionale

Gruppi Regionali

Iniziative Locali

Link Vari Area PD

    Eletti In Toscana

Programmi

Programma PD

New Agenzie

  • New Google Birmania
      • Rasegna stampa pd
      • ANSA IT
      • ANSA Live UE
    • news google

    Sondaggi e Ricerche

    • ipr marketing

    citizen journal

    Link Vari

    Associazioni

      Osservatori

    Democratici Nel Mondo

    • Logo Democratic
    • Sito Barack Obama
    • Sito Hillary Clinton

    Iniziative Umanitarie



    Organismi – Istituti E Commissioni Di Ricerca

    • Unione Europea
    • censis
    • cnel
    • cnel commissione lavoro
    •  glocus logo
    • ISAE
    • ICE
    • Unicamere
    • logo Airi
    • Eurispes
    • Logo APAT
    • FMI
    • WTO
    • Banca Mondiale

      Commissioni

        • Logo Cefass

    Categorie

    Archivio Per Mese