Ora ci aspettiamo che dalle parole si passi ai fatti

L’Italia e noi: un futuro da afferrare assieme. Il PD vuole una riforma repubblicana e un’alleanza per la crescita e il lavoro.

Testo e video completi del discorso di Bersani a San Giovanni

******

Bella manifestazione, discorso pieno completo e sopratutto immerso nella realtà delle cose. Insomma un Bersani che a pieno titolo può vantare l’aggettivo di segretario del PD.

Ma ora dalle parole bisogna passa ai fatti, spero che Bersani abbia capito che le sue ammonizioni come quella ” Pomigliano è una situazione eccezionale non diventi di esempio”, sembra invece che abbia fatto scuola. Sul Tirreno di oggi a pag.4 c’è un articolo con questo titolo «CHE FA UNICOOP, COPIA IL MODELLO FIAT?».

ORA, ANCHE I COMPAGNI DELLA COOP NON SI ACCONTENTANO PIU’ DI RISPARMIARE IL 30% DI TASSE A PARITA’ DI IMPONIBILE, UN PRIVILEGIO DA MONARCHI CHE NON HA RISCONTRO IN EUROPA (Fatta eccezione per le COOP del terzo settore, a quelle: vanno dati i benefici fiscali si occupano di servizi al sociale. servizi che dovrebbe gestire lo stato, essendo parte dei cosidetti ” diritti di cittadinanza”).

Bombassei dichiara ” nessuno strappo con Fiat” ( e rimane in attesa fiducioso che tocchi il suo turno).

LA REALTA’ DELLE COSE E’ QUESTA!

Con 400 euro di salario mensile la delocalizzazione è assicurata.

Fonte: Repubblica del 23 luglio 2010 pagina 26 sezione Economia

TORINO – La Serbia è l’ Eldorado dei manager. Una specie di terra promessa per gli imprenditori, stando al racconto di Giorgio Airaudo, responsabile nazionale Fiom per il settore auto. «Da tempo abbiamo contatti con i sindacati di quel paese – spiega Airaudo – e il loro racconto spiega perfettamente per quale motivo la Fiat ha scelto di trasferire la produzione da Mirafiori».

Ieri mattina lungo la direttrice TorinoKragijevac, la località dove sorgeranno le nuove linee produttive, si è svolta la prima riunione virtuale tra organizzazioni sindacali sul futuro dei due stabilimenti. «In Serbia il salario mensile è di 400 euro», spiega il sindacalista italiano. Un salto notevole rispetto alle retribuzioni medie degli operai torinesi (1.100 /1.200), una paga addirittura più bassa delle retribuzioni già misere della Polonia (meno di 600 euro mensili). Per arrivare a questi livelli in Italia bisogna sottoporsi a dosi massicce di cassa integrazione, così come è avvenuto da quando la crisi ha cominciato a mordere il mercato delle quattro ruote.

La paga mensile non è l’ unico vantaggio del trasloco deciso da Marchionne.

In base all’ accordo firmato due anni fa dal governo di Belgrado e dal Lingotto, lo Stato paga la bonifica dello stabilimento e cede la proprietà alla Fiat. La bonifica è costosa. La fabbrica, la vecchia linea produttiva della Zastava, è stata bombardata dagli aerei Nato nel ‘ 99, durante la guerra che divise l’ ex Jugoslavia.Nell’ area sono disperse 370 tonnellate di diossine e altri veleni.

Dei 2.600 ex dipendenti della vecchia Zastava la Fiat ne ha assunti solo 1.000 lasciando gli altri a libro paga dello Stato serbo fino a quando la salita produttiva del nuovo modello non consentirà nuove assunzioni.

Per ogni dipendente assunto la Fiat, in base all’ accordo, riceve 10.000 euro di finanziamento pubblico. Inoltre per dieci anni il Lingotto non pagherà tasse né al governo di Belgrado né al comune di Kragijevac. «Competere con questi costi per noi è impossibile. Chi potrebbe permettersi il lusso di lavorare per 400 euro al mese in Italia?

In questa storia Pomigliano non c’ entra un bel niente.

Marchionne dica chiaramente quali sono i motivi del trasloco», si arrabbia Airaudo.

E ricorda che «quando Mirafiori rischiava la chiusura tutti i sindacati, la Fiom in testa, hanno lavorato perché gli enti locali torinesi finanziassero la ristrutturazione e salvassero lo stabilimento.

Noi – conclude siamo rimasti gli stessi di allora. Vorremmo che anche la Fiat si mettesse a discutere senza atteggiamenti ideologici».

Al Lingotto ieri non si commentavano le numerose prese di posizione di sindacalisti e politici sulla scelta di trasferire la produzione del minimonovolume da Mirafiori a Kragijevac.

Maè evidente che dal punto di vista dell’ immagine il dietrofront di Marchionne non è stata una mossa vincente. Si capirà solo nelle prossime quale sarà la contromossa di Fiat per risalire la china nella battaglia sul futuro dello stabilimento torinese.

******

ORA SAPPIAMO COSA VUOLE MARCHIONNE.

SAPPIAMO COSA HA DETTO BERSANI, ASPETTIAMO CHE IL PARTITO PRENDA POSIZIONE.

Approfondimenti:

Parla il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso: “Sul contratto nazionale non può decidere la Fiat”. E accusa: “La mossa del Lingotto indebolisce il sistema di Confindustria, ma nasce dalla loro volontà di destrutturare le regole”

“Marchionne disprezza l’Italia ma dimentica che qui è monopolista”

Camusso “avverte” Marchionne: «Il modello cinese non è esportabile in Italia»

Fiat-Pomigliano. Bersani: “Situazione eccezionale, non diventi un esempio”

Pubblicato oggi sul sole24ore uno stralcio del’intervento di Romano prodi a Spineto ( quel posto dove: D’Alema si preoccupava delle sue scarpe che si sporcavano di mota)

Globalizzazione: cosa sta cambiando? di Romano Prodi


dicembre: 2010
L M M G V S D
« Ott   Gen »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Contattaci

Circolo Bientina

  • Primarie 2009

Varie Bientina

Siti di area PD

  • Area Dem

Dossier Crisi

Dossier Encicliche Sociali

    Articoli Encicliche - Eletti PD

Dossier Articoli Crisi Economica

  • Pulsante keynesiano
  • Lezioni per il futuro

Documenti Crisi Economia Circolo

  • Crisi Globale
  • Focus Economia

Festa Nazionale PD

Link Iniziative

Web TV

RSS New Wikio

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Libreria Circolo

Le Riviste Disponibili Nel Circolo

Libri Disponibili Nel Circolo

Documenti Vari

Documenti Esterni

  • Rapporti

Workig Papers

Link PD

Sito Nazionale

Gruppi Parlamentari

Unione Provinciale

Unione Regionale

Gruppi Regionali

Iniziative Locali

Link Vari Area PD

    Eletti In Toscana

Programmi

Programma PD

New Agenzie

  • New Google Birmania
      • Rasegna stampa pd
      • ANSA IT
      • ANSA Live UE
    • news google

    Sondaggi e Ricerche

    • ipr marketing

    citizen journal

    Link Vari

    Associazioni

      Osservatori

    Democratici Nel Mondo

    • Logo Democratic
    • Sito Barack Obama
    • Sito Hillary Clinton

    Iniziative Umanitarie



    Organismi – Istituti E Commissioni Di Ricerca

    • Unione Europea
    • censis
    • cnel
    • cnel commissione lavoro
    •  glocus logo
    • ISAE
    • ICE
    • Unicamere
    • logo Airi
    • Eurispes
    • Logo APAT
    • FMI
    • WTO
    • Banca Mondiale

      Commissioni

        • Logo Cefass

    Categorie

    Archivio Per Mese