Crisi: Il G.20,fra Cina flessibile e Europa rigida.

G.20 – Tabella Paesi Tabella nostra elaborazione si dati FMI

Fonte: Keynesiano

La ripresa economica rischia di essere affossata dalle divisioni tra i Paesi del G20.

È questo l’allarme lanciato da Barack Obama in una lettera ai Grandi, inviata a una settimana dal vertice di Toronto, in programma il 26 e il 27 giugno.

Il presidente Usa, secondo il Wasshington Post, fa riferimento in modo «indiretto ma inequivocabile a una consistente lista di argomenti su cui vi è disaccordo tra le nazioni del G20, tra cui la politica monetaria cinese e gli improvvisi drastici tagli dei budget in Europa».

Obama invita i Grandi ad «agire insieme per rafforzare la ripresa». Il summit canadese, per l’inquilino della Casa Bianca, è un’occasione per riaffermare «l’unità di intenti» del G20, il cui compito è stabilizzare la ripresa di fronte alla «significativa debolezza» di molti Paesi. «È fondamentale  scrive ancora Obama, arrivare a una ripresa in grado di sostenersi da sola che crei i posti di lavoro di cui la gente ha bisogno ».

L’obiettivo Usa è ribadito, in termini più diretti, dal vicepresidente Joe Biden: «Non è il momento di togliere il piede dall’acceleratore  afferma . Dobbiamo continuare a creare posti di lavoro e favorire la ripresa del mercato del lavoro». Sulla questione cinese interviene anche la Casa Bianca. Il mondo, ribadisce il portavoce Bill Burton, «starebbe meglio» se Pechino utilizzasse una moneta più orientata sul mercato e polis.

Nel frattempo la Cina apre agli Usa e sgancia lo yuan dal dollaro. e Obama risponde: «Un passo costruttivo per la crescita»

Cosa farà l’Europa con la Germania in testa?

Sarebbe opportuno, che l’Europa facesse la sua parte. Dalla tabella sopra emerge che il G.2  da solo Stati Uniti più la Cina, formano allinterno del G.20 il 36.56% del Pil , e il 32,1% della popolazione. Certo ci sono dati che domostrano tutta la loro anomalia, il reddito nazionale della Cina è inferiore di 94,5 volte a quello degli Stati Uniti. Ma questo potrebbe non essere un problema visto che la Cina ha deciso di essere per il momento l’officina del mondo che fornisce manodopera a basso costo, garantendo grossi investimenti in infrastrutture.

Approfondimenti:

La Cina apre: “Yuan più flessibile”

Se Paperone abita a Pechino


giugno: 2010
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Contattaci

Circolo Bientina

  • Primarie 2009

Varie Bientina

Siti di area PD

  • Area Dem

Dossier Crisi

Dossier Encicliche Sociali

    Articoli Encicliche - Eletti PD

Dossier Articoli Crisi Economica

  • Pulsante keynesiano
  • Lezioni per il futuro

Documenti Crisi Economia Circolo

  • Crisi Globale
  • Focus Economia

Festa Nazionale PD

Link Iniziative

Web TV

RSS New Wikio

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Libreria Circolo

Le Riviste Disponibili Nel Circolo

Libri Disponibili Nel Circolo

Documenti Vari

Documenti Esterni

  • Rapporti

Workig Papers

Link PD

Sito Nazionale

Gruppi Parlamentari

Unione Provinciale

Unione Regionale

Gruppi Regionali

Iniziative Locali

Link Vari Area PD

    Eletti In Toscana

Programmi

Programma PD

New Agenzie

  • New Google Birmania
      • Rasegna stampa pd
      • ANSA IT
      • ANSA Live UE
    • news google

    Sondaggi e Ricerche

    • ipr marketing

    citizen journal

    Link Vari

    Associazioni

      Osservatori

    Democratici Nel Mondo

    • Logo Democratic
    • Sito Barack Obama
    • Sito Hillary Clinton

    Iniziative Umanitarie



    Organismi – Istituti E Commissioni Di Ricerca

    • Unione Europea
    • censis
    • cnel
    • cnel commissione lavoro
    •  glocus logo
    • ISAE
    • ICE
    • Unicamere
    • logo Airi
    • Eurispes
    • Logo APAT
    • FMI
    • WTO
    • Banca Mondiale

      Commissioni

        • Logo Cefass

    Categorie

    Archivio Per Mese