PD: Forse Fontanelli si è dimenticato dei “molti” che gli hanno dato il mandato.

Scambiare la base con le primarie è un equivoco pericoloso.

Leggi l’articolo sul sito dell’ On.Paolo Fontanelli

******

La mia Riflessione scritta sul sito dell’On.Paolo Fontanelli.

Questo passaggio non mi è chiaro.

“il Partito Democratico deve incorporare il pluralismo e deve essere aperto verso la società. Ma ciò non può nemmeno significare andare verso la forma del correntismo che purtroppo trova grande spazio quando alla politica si sostituisce la conta. Per questo penso che un partito serio e forte, per essere tale, deve radicarsi sul territorio con una struttura solida, fatta di iscritti e di militanti che abbiano diritti e doveri riconosciuti e praticati, con un peso reale nelle scelte che contano a cui si affianchino forme di partecipazione e di consultazione allargate anche ai cittadini e agli elettori. Il punto è non confondere e scambiare la “base” con le primarie: non sono la stessa cosa”.

In linea di principio condivido il suo modello di PD ma vorrei capire meglio chi intende con la parola “militanti”, per me è colui che milita attivamente nella struttura di partito. Poi c’è il caso dell’iscritto al partito che è tesserato ma non milita nel senso che non è attivo concretamente nella vita del partito.

Forse lei intendeva queste due figure con il termini di iscritti e militanti?.

Se è cosi allora dissento! perché c’è una maggioranza i “simpatizzanti” coloro che ci votano, ma non sono tesserati e non militano attivamente, ma che di fatto ci danno il mandato di rappresentanza consentendoci di attuare l’obbiettivo proprio di un partito, che secondo la formulazione di Duveger è quello di “mandare i propri rappresentanti nelle istituzioni al fine di rappresentare i loro interessi” (il potere di fare).

Quelli sembrerebbe che lei li metta nel calderone dei cittadini, che per loro natura sono la totalità della base elettorale, e comprendono anche quelli che non simpatizzano per il PD (che non lo votano); In questo caso il dialogo con i Cittadini è un dialogo politico al fine di convincerli a votare noi, in quanto abbiamo un progetto politico migliore.

MA RIMANE IL PROBLEMA DI SEMPRE, CHE E’ DI FATTO, UN PROBLEMA DI DEMOCRAZIA RAPPRESENTATIVA INTERNA AI PARTITI, CHE DEVE RISPONDERE ALLA DOMANDA: COME COINVOLGERE NELLE SCELTE I SIMPATIZZANTI?

I cosiddetti partiti della prima Repubblica sono stati l’esempio eclatante di questa anomalia.

Se prendiamo di esempio i DS prima della confluenza nel PD,erano 600 mila i tesserati ma alcuni milioni di più quelli che li votavano ( il 16,60% politiche 2001 per un totale di voti pari a 6.145.569 ).

Può il solo 10% degli iscritti al partito, decidere anche per la maggioranza dei simpatizzanti?

Ecco, il PD nasce per dare voce e tetto anche a queste persone che votano il PD ma per tanti motivi sono riluttanti ad avere una tessera o ad impegnarsi militando attivamente nella struttura politica.

Certo si possono trovare forme diverse di coinvolgimento, ma comunque forme che diano diritto di cittadinanza vera; In quanto è con il contributo fondamentale dei “simpatizzanti” che noi inviamo i nostri Rappresentanti nelle istituzioni.

Lo so è un compromesso amaro per quelli che non vedono di buon occhio una apertura eccessiva.

Io credo che ci siano ancora molte persone che militano nel PD che hanno poca fiducia di se stessi e delle loro capacità politiche.

Se un militante politico eletto nelle istituzioni pubbliche o di partito, ha fatto bene, se sono i migliori e in quanto tali orgogliosi di essere dei professionisti della politica (affermazione di D’Alema), perché avere timore?

Se rappresenti, e riesci ad interpretare le istanze politiche della base che ti vota, non devi temere niente in politica, perchè questa è la politica.

In politica devi temere i molti quando rappresenti gli interessi dei pochi lobbysti, come ad esempio:

– Le Coop (1) che niente hanno a vedere con il valore dell’associazionismo dell’800, ma che di fatto non pagano le tasse come gli altri e quindi non contribuiscono in proporzione ai loro guadagni al mantenimento dello stato sociale,

– I banchieri che si dichiarano riformisti a parole e non di fatto,

– Gli imprenditori che sono capitani coraggiosi per il solo tempo di valorizzare gli asset strategici per il paese per poi passare all’incasso,

– Le banche che fanno delibere e bandi, per mandare in prepensionamento 100 manager e al loro posto assumeno i loro figli, con il risultato di non creare mobilità sociale,aggravano le casse dello stato in quanto aumenta la spesa pensionistica, e probabilmente i nuovi pensionati visto l’età e le competenze acquisite si riverseranno sul lavoro privato togliendo opportunità ad altri giovani.

Siccome spesso si chiede il mandato ai molti per poi di fatto rappresentare i soliti pochi, io aspetto ancora di leggere le mozioni ma allo stato attuale non nascondo una certa simpatia per Franceschini.

Nota:

1 – Le coop vanno distinte:

– Ci sono quelle che danno lavoro ai ragazzi con problemi di vari natura come una cooperativa di Rosignano Solvay che fabbrica prodotti per confezioni regalo, e da lavoro ai ragazzi Daun con problemi di manualità, quindi è difficile che possa fare prodotti a prezzi competitivi ( il mercato è crudele).

– Ci sono coop che operano nei servizi alla persona (il cosiddetto terzo settore),

Entrambi questi esempi vanno aiutate con sgravi fiscali o altro , in quanto : le prime mantengono la dignità della persona che deve poter campare con il frutto del proprio lavoro,le seconde danno un servizi alla collettività che di fatto dovrebbe erogare lo stato sociale.

PS:

Quanto scritto è l’opinione personale dell’amministratore del sito.

Annunci

luglio: 2009
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Contattaci

Circolo Bientina

  • Primarie 2009

Varie Bientina

Siti di area PD

  • Area Dem

Dossier Crisi

Dossier Encicliche Sociali

    Articoli Encicliche - Eletti PD

Dossier Articoli Crisi Economica

  • Pulsante keynesiano
  • Lezioni per il futuro

Documenti Crisi Economia Circolo

  • Crisi Globale
  • Focus Economia

Festa Nazionale PD

Link Iniziative

Web TV

RSS New Wikio

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Libreria Circolo

Le Riviste Disponibili Nel Circolo

Libri Disponibili Nel Circolo

Documenti Vari

Documenti Esterni

  • Rapporti

Workig Papers

Link PD

Sito Nazionale

Gruppi Parlamentari

Unione Provinciale

Unione Regionale

Gruppi Regionali

Iniziative Locali

Link Vari Area PD

    Eletti In Toscana

Programmi

Programma PD

New Agenzie

  • New Google Birmania
      • Rasegna stampa pd
      • ANSA IT
      • ANSA Live UE
    • news google

    Sondaggi e Ricerche

    • ipr marketing

    citizen journal

    Link Vari

    Associazioni

      Osservatori

    Democratici Nel Mondo

    • Logo Democratic
    • Sito Barack Obama
    • Sito Hillary Clinton

    Iniziative Umanitarie



    Organismi – Istituti E Commissioni Di Ricerca

    • Unione Europea
    • censis
    • cnel
    • cnel commissione lavoro
    •  glocus logo
    • ISAE
    • ICE
    • Unicamere
    • logo Airi
    • Eurispes
    • Logo APAT
    • FMI
    • WTO
    • Banca Mondiale

      Commissioni

        • Logo Cefass

    Categorie

    Archivio Per Mese