Archivio per 19 maggio 2009

LA SCOMPARSA DELLA SOCIALDEMOCRAZIA

 

LA SCOMPARSA DELLA SOCIALDEMOCRAZIA

di  Massimo L. Salvadori  La Repubblica del 19/05/09 Pagina 29

IN UN recente articolo su questo giornale Timothy Garton Ash ha auspicato l’avvento di una «versione modernizzata» dell’«economia sociale di mercato», fondata sulla creazione da parte dello Stato di «un forte quadro giuridicoe normativo per l’impresa privata», sull’impegno «a garantire un minimo sociale a tutti i cittadini» e sulla lotta all’accumulo dei «grandi guadagni dei capitalisti» legittimati col richiamo ad un rischio imprenditoriale fatto in realtà gravare sulle spalle dei lavoratori subalterni.

Sennonché qui si pone il problema: esiste in Europa una forza politica in grado di farsi carico di un tale obiettivo? Di primo acchito la risposta parrebbe scontata: la socialdemocrazia.

Ma ecco che ci si trova a dover constatare che i partiti che ad essa si richiamano sembrano ormai più «cavalieri inesistenti» che non cavalieri con la corazza.

Non molto tempo fa osservai che facevano riflettere «il silenzio della socialdemocrazia»e la mancanza di un suo protagonismo politico di fronte alla attuale pesante crisi economica.

È quindi comprensibile che si possa parlare, come fa Giuseppe Berta, di Eclisse della socialdemocrazia (è questo il titolo di un suo breve saggio appena apparso presso il Mulino).

Nell’analizzare i fattori del declino socialdemocratico, Berta centra nel segno.

La socialdemocrazia nelle sue molteplici varianti non ha retto all’urto con il «turbocapitalismo» globale. E non ha tanto piegato le ginocchia di fronte ad un avversario più forte, quanto è andata piuttosto essa stessa attivamente inserendosi in quel tipo di sviluppo, giudicato la tendenza vincente.

«La socialdemocrazia al governo – osserva Berta – ha scoperto di dover aderire quasi plasticamente» ai caratteri del nuovo capitalismo, «abbandonando la pretesa di trasformarli».

Nel caso poi dei Blair e anche degli Schroeder, si è voluto persino cavalcare la tendenza. Si è così esaurito il cammino che aveva dato vigore alla socialdemocraziaa partire dal 1945 fino agli anni ‘70, quando è esplosa la crisi dei fattori che ne avevano determinato l’ascesa: la forza organizzativa dei partiti socialisti, la centralità dei sindacati, l’ancoraggio ad una robusta classe operaia, la capacità di affermare la propria identità, il ruolo del «sistema misto» privato-pubblico, le istituzioni del welfare.

Secondo l’autore, lo sviluppo economico e sociale ha disintegrato a mano a mano tutti questi fattori e conferito alle resistenze a siffatto processo i tratti di un discorso meramente retorico.

Dallo svuotamento della socialdemocrazia Berta deduce, portando alla ribalta il caso dell’Italia dove la socialdemocrazia più che esausta non è mai nata, che sia venuta l’ora del «centrosinistra», dei «democratici», del «liberalismo sociale»; cui spetta di incorporare quei caratteri della avanzante modernità che in primo luogo il Labour, sotto la spinta di incoercibili esigenze dovute alle trasformazioni della società, ha fatto propri con entusiasmo al prezzo di favorire il progressivo vanificarsi del discorso socialdemocratico: il fare appello all’elettorato in generale, alla responsabilità dei singoli, ai doveri e ai diritti individuali, il puntare per contrastare le diseguaglianze sociali sulle opportunità offerte dalla formazionee dall’esercizio delle competenze nel quadro del mercato aperto.

E in questo contesto evoca il messaggio di Obama, la sua entrata in campo a «difesa del principio di una più ampia libertà di scelta individuale sulle questioni della vita» e di altri principi «in linea con le tendenze del centrosinistra».

Se concordo con Berta sul dato incontrovertibile dell’eclisse della socialdemocrazia (che per lui in realtà più che un eclisse è un inarrestabile tramonto e per me un serio rischio di tramonto), ne traggo una diversa lezione.

Che oggi ci troviamo nel pieno della crisi congiunta e del «turbocapitalismo» e del socialismo europeo.

Che la crisi del secondo è una conseguenza del suo essersi adagiato sul primo, nella convinzione, massima nel nuovo laburismo di Blair, che questo rappresentasse tout court l’economia dell’avvenire e perciò occorresse addirittura favorirlo.

Che la crisi scoppiata nell’autunno del 2008 rivela palesemente che l’insufficiente difesa delle condizioni di vita degli strati inferiori – i quali, se non più in prevalenza dagli operai di fabbrica, sono formati dall’esercito dei lavoratori dipendenti a basso reddito, dei precari e dei senza lavoro – a cui si chiedeva di trovare una strada che non hanno affatto trovato nel mondo dell’iniziativa individuale e delle opportunità create da uno sviluppo sfociato nella grande depressione, ha avuto come risultato di causare il sempre maggiore arricchimento dei pochi e impoverimento dei molti.

Che la crisi dimostra – questo ha in effetti detto chiaro e forte Obama – che si è riprodotta la perversione per cui i plutocrati incontrastati hanno dato con successo l’assalto ai governi, sicché è ora necessario che il potere pubblico ristabilisca regole in grado di impedire un ritorno al turbocapitalismo, che si ricostituisca una rete di protezione a favore degli strati rimasti vittime delle oligarchie dominanti, che si torni a rendere efficace il welfare, anche grazie al rilancio del ruolo dei sindacati.

 In Europa quale il soggetto politico organizzato in grado di dare senso, di interpretare un simile indirizzo? Il centrosinistra?

Ma nel nostro continente il centrosinistra non esiste, salvo che in Italia, dove esso si presenta con grandi ambizioni, ma in passato altro non è stato se non un’alleanza debole di vari partiti privi di omogeneità e nel presente, incarnato nel maggiore partito di opposizione, non mostra di avere un sufficiente collante e all’interno del quale non manca chi di centro subisce il richiamo di altri centri e chi di sinistra non sa a che santo votarsi.

L’eclisse della socialdemocrazia europea è un innegabile dato di fatto e il test a cui essa si trova sottoposta è storicamente decisivo.

Ma se l’eclisse dovesse preludere, per una inadeguata capacità di reazione, a un definitivo tramonto, allora vi è da dubitare fortemente che lo scenario del futuro sia l’emergere del centrosinistra internazionale e non piuttosto per un verso il rafforzamento della destra e del centro, rimasti unici contendenti del governo della società, e per l’altro il sopravvivere di una sinistra minoritaria, emarginata, protestataria e impotente.

Sono possibili una «economia sociale di mercato» e «un forte quadro giuridico e normativo per l’impresa privata» fatto valere dallo Stato senza la socialdemocrazia?

Annunci

Crisi: Quale futuro per il capitalismo?

Dialogo sul Capitalismo

In questi giorni sono attivi tutti intorno al futuro del Capitalismo.

Le librerie sono piene di saggi in merito, i giornali ospitano dibattiti, con politici ed economisti impegnati sul futuro del Capitalismo e dell’economia di mercato strumento operativo ad esso connesso.

Insomma tutti parlano, anche chi dovrebbe tacere per senso di pudore……banchieri in primis e alcuni politici che con loro sono andati a braccetto fino a ieri.

Quelli che elogiavano le meravigli e i prodigi degli “spiriti animali”.

Come Gotti Tedeschi che nel 2007 scrive proprio un saggio dal titolo “Spiriti Animali. La concorrenza giusta”.

Nel suo saggio Gotti Tedeschi vede L’Antitrust come un orpello che lega le briglie ai capaci che operano nel mercato ( gli spiriti animali). Il saggio fra l’altro si fregia della prefazione di A. Profumo (altro Banchiere confuso fra etica, capitalismo e  libero mercato).

Un Passaggio del libro “Spiriti Animali. La concorrenza giusta” dal sito dell’editore.

“La superiore efficienza del sistema di mercato sembra trovare sempre maggiori consensi. Ma il mercato – si sostiene spesso – deve essere emendato e corretto: bisogna mettere le briglie agli spiriti animali del capitalismo “selvaggio”. Questo libro prende una direzione molto diversa. Proprio l’economia di mercato, al suo massimo grado di libertà, può assicurare benessere e crescita. In particolare, i tentativi di proteggere la concorrenza da se stessa – attraverso l’operato delle autorità antitrust – sono pretestuosi e controproducenti. La tesi forte degli autori è che solo una concorrenza affrancata da ogni vincolo, e proprio per questo non selvaggia bensì giusta, è capace di garantire gli interessi di tutti più di qualsiasi intervento moderatore.”

Oggi Gotti Tedeschi, interviene nel dibattito sul capitalismo dalle pagine del sole24ore con un articolo dal titolo “La cicogna non fa aumentare il Pil”, dove ci dice che a suo giudizio la causa della crisi è da ricercare nella bassa natalità che non sarebbe sufficiente ad alimentare il giusto consumo, di qui la necessità di indebitarsi per alimentare la domanda aggregata di consumo.

MA GUARDA UN PO’ IL BANCHIERE CHE VA IN CHIESA OGNI MATTINA PRIMA DI ANDARE IN UFFICIO, E CHE AFFERMA NEL SUO SAGGIO CHE LA POVERTA’ E’ UN MALE DA ACETTARE COME RIPORTA IL VANGELO ( sono andato a memoria ma il succo è quello).

Oggi,non solo non si fa carico delle truffe messe in atto da alcuni esponenti della sua categoria professionale che come afferma Luciano Gallino hanno fatto i soldi rischiando quelli degli altri.

Oggi il mondo è in ginocchio grazie a questi spiriti animali le cui capacità sono sotto gli occhi di tutti che ne pagano le conseguenze.

Il problema caro Gotti Tedeschi è un altro, ed è quello che nel mondo ci sono milioni di figlioli adottivi che non si possono permettere di pagare il cibo al prezzo che noi imponiamo per essere mantenuti nell’opulenza. Muoiono di fame anche quando i granai sono pieni, muoiono di fame perché noi abbiamo bisogno della benzina verde.

Certo la cosa non è nuova sono secoli che è cosi, li abbiamo fatti schiavi, li abbiamo depredati e ora li lasciamo morire di fame, salvo lavarsi la coscienza con bilanci etici e donazioni fatte sempre con i soldi degli altri…..

La verità che quelli come lei non avranno mai il coraggio di dire, è che: l’eccesso di consumo per alimentare la domanda aggregata in America è nata perché figlia dell’ideologia Anarcoliberista che è stata alimentata dal governo per poter attuare una guerra falsamente ideologica che voleva esportare la Democrazia. Quando un paese democratico vuole andare in guerra, a bisogno del consenso del popolo e non esiste miglior ingrediente di consenso politico di di quello del ” popolo con  la pancia piena”.

Approfondimenti:

Lezioni per il futuro, Dossier: Dibattito sul capitalismo il sole24ore.it

Crisi: Continua il crollo del commercio estero con i paesi UE – 21%.

Commercio estero UE

Fonte: ISTAT

L’export crolla del 21%. Nei primi 3 mesi dell’anno.

L’Istat diffonde i dati dell’interscambio complessivo e di quello con i paesi Ue riferiti al mese di marzo 2009, nonché le serie storiche dei numeri indici dei valori medi unitari e dei volumi nella nuova classificazione Ateco 2007 (come illustra la Nota informativa).

I risultati della rilevazione relativa al mese di aprile 2009 per i paesi extra Ue saranno diffusi il 26 maggio p.v.

Nel mese di marzo 2009, rispetto allo stesso mese del 2008, la dinamica dei flussi commerciali da e verso l’area Ue è risultata negativa: le esportazioni sono diminuite del 19,6% e le importazioni del 16%.

Il saldo commerciale è risultato negativo per 85 milioni di euro, contro un saldo positivo pari a 676 milioni di euro rilevato nello stesso mese del 2008.

Nel confronto con febbraio, i dati destagionalizzati segnalano a marzo 2009 una flessione del 2,3% per le esportazioni e dell’1,2% per le importazioni.

Per l’interscambio dell’Italia con i paesi dell’Unione europea, l’Istat rende disponibili tavole analitiche che approfondiscono e arricchiscono l’informazione prodotta su questo argomento.

Si tratta di dati provvisori sulle esportazioni e le importazioni della bilancia commerciale, allineati al comunicato stampa diffuso oggi, ma di maggior dettaglio rispetto a quest’ultimo.

Andamento mensile I trim.2009 andamento mensile I trim 2009

Clicca sulla tabella per ingrandirla

L’economia Pisana

Fonte: Unioncamere File pdf.pag.250

Giornata dell’Economia 2009

L’economia reale dal punto di vista delle Camere di Commercio – Rapporto PISA 2009

Andamento export Pisa,Toscana, Italia, dal 1996 al 2008

Variazione export

Variazione annua export Pisa,Toscana, Italia

Variazione % export

Approfondimenti:

Unioncamere Starnet


maggio: 2009
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Contattaci

Circolo Bientina

  • Primarie 2009

Varie Bientina

Siti di area PD

  • Area Dem

Dossier Crisi

Dossier Encicliche Sociali

    Articoli Encicliche - Eletti PD

Dossier Articoli Crisi Economica

  • Pulsante keynesiano
  • Lezioni per il futuro

Documenti Crisi Economia Circolo

  • Crisi Globale
  • Focus Economia

Festa Nazionale PD

Link Iniziative

Web TV

RSS New Wikio

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Libreria Circolo

Le Riviste Disponibili Nel Circolo

Libri Disponibili Nel Circolo

Documenti Vari

Documenti Esterni

  • Rapporti

Workig Papers

Link PD

Sito Nazionale

Gruppi Parlamentari

Unione Provinciale

Unione Regionale

Gruppi Regionali

Iniziative Locali

Link Vari Area PD

    Eletti In Toscana

Programmi

Programma PD

New Agenzie

  • New Google Birmania
      • Rasegna stampa pd
      • ANSA IT
      • ANSA Live UE
    • news google

    Sondaggi e Ricerche

    • ipr marketing

    citizen journal

    Link Vari

    Associazioni

      Osservatori

    Democratici Nel Mondo

    • Logo Democratic
    • Sito Barack Obama
    • Sito Hillary Clinton

    Iniziative Umanitarie



    Organismi – Istituti E Commissioni Di Ricerca

    • Unione Europea
    • censis
    • cnel
    • cnel commissione lavoro
    •  glocus logo
    • ISAE
    • ICE
    • Unicamere
    • logo Airi
    • Eurispes
    • Logo APAT
    • FMI
    • WTO
    • Banca Mondiale

      Commissioni

        • Logo Cefass

    Categorie

    Archivio Per Mese

    Annunci