Crisi: Rapporto Unioncamere 2009

Rapporto 2009 file pdf pag.n.264

Rapporto Unioncamere 2009. 7^ Giornata dell’Economia.

L’economia reale dal punto di osservazione delle Camere di commercio.

Comunicato stampa Unioncamere:

“L’Italia deve essere orgogliosa dei suoi imprenditori”

Roma, 7 maggio 2009 – “Il Rapporto Unioncamere mostra con chiarezza che i fondamentali del nostro sistema economico sono solidi, pur in presenza di una congiuntura molto difficile.

Si prevede che il Pil nel 2009 cali del 4,2%. Le previsioni occupazionali evidenziano una contrazione dell’1,9% della forza lavoro dipendente privata.

Le imprese, nel I trim. 2009, sono diminuite dello 0,5%. Si tratta di dati negativi che denotano una sorta di attesa, e non di crollo, del nostro sistema imprenditoriale.

Il saldo negativo dell’occupazione è, infatti, dovuto principalmente ad una contrazione del tasso di entrata, e non ad un aumento del numero dei licenziamenti.

Pur trovandosi nella necessità di ridurre il personale, le imprese non vogliono disperdere professionalità e ricercano figure più qualificate, così da essere pronte a sfruttare in modo ottimale la ripresa non appena si presenterà.

Anche il numero delle imprese diminuisce non per effetto di un aumento delle chiusure aziendali, bensì per un calo delle nuove aperture. Siamo, dunque, in presenza di una tenuta strutturale del sistema economico”, ha commentato il Presidente di Unioncamere, Andrea Mondello. “Dobbiamo essere orgogliosi dei nostri imprenditori: continuano a esprimere coraggio, fiducia e voglia di intraprendere.

Per anni il nostro sistema economico è stato oggetto di critiche, in quanto caratterizzato da un sistema imprenditoriale polverizzato e da una presenza troppo forte del manifatturiero tradizionale.

Mai come in questo momento, invece, la forza del nostro sistema imprenditoriale è evidente. Nel 2009, il 48% per cento delle medie imprese investirà in ricerca ed innovazione. Proprio questa parte di aziende che sta investendo uscirà da questa congiuntura in maniera solida, pronta a cogliere al meglio il vento della ripresa.

Dobbiamo guardare avanti e sostenere il valore del fare impresa e del lavoro. Sono indispensabili misure-ponte concrete, immediate ed efficaci nel breve termine, per dare ossigeno alle imprese e sostegno alle famiglie e ai consumi”.

“Attualmente, le due priorità per le nostre imprese sono l’accesso al credito e l’internazionalizzazione. Le nostre indagini mostrano che si è ridotta la quota delle imprese che ha difficoltà di accesso al credito; tuttavia, sono ancora molte quelle che vivono questa condizione (circa il 20%) e ciò costituisce un serio intralcio alle loro politiche di investimento.

E’ essenziale, quindi, superare la diffidenza culturale che colpisce soprattutto le piccole imprese, assicurare finanziamenti in tempi brevissimi e, da parte della Pubblica amministrazione, garantire pagamenti in tempi ragionevoli. E’ una scelta che, come sistema camerale, abbiamo compiuto già da qualche mese, impegnandoci a pagare i nostri fornitori di beni e servizi entro 30 giorni”.

“In merito all’altra grande priorità, l’internazionalizzazione, le nostre imprese hanno sofferto in questi mesi, ma non si sono fermate. La percentuale delle imprese esportatrici è salita nel 2008 al 34,1% dal 32,5% del 2007.

Molte piccole e medie aziende hanno cercato di compensare il calo della domanda interna con le vendite all’estero, puntando su nuovi mercati di sbocco quali Cina, Estremo Oriente e Paesi OPEC. E’ compito delle istituzioni accompagnare questo processo virtuoso di espansione sui mercati esteri attraverso una decisa azione di supporto dei processi di internazionalizzazione, con la messa in atto di politiche nazionali e interventi di carattere complessivo.

Il nostro sistema economico è già pronto a sfruttare l’opportunità di una prossima ripesa del commercio mondiale”.

“Infine, non posso fare a meno di sottolineare che il divario Nord-Sud è destinato ad aumentare ulteriormente nei prossimi anni.

Le previsioni indicano, per il 2009, una diminuzione del PIL del Sud del 4,8% (Nord-Est -3,8%, Nord-Ovest -4,2%) e, per il 2010, una flessione dello 0,8% (Nord-Est +0,7%, Nord-Ovest +0,3%). Inoltre, il Sud beneficerà in misura minore rispetto al Nord dell’auspicata ripresa del commercio mondiale.

Questo “strappo dello sviluppo” ci preoccupa tanto più, in quanto il risveglio dell’economia del Mezzogiorno è condizione necessaria per lo sviluppo dell’intero Paese”.

Approfondimenti:

Presentazione dei principali risultati – slide file pdf pag.n.23

Sistema Informativo Excelsior 2009 – file pdf pag.n. 39

Appendice statistica al Rapporto Unioncamere 2009

Occupazione: nel 2009 cala ma non crolla, -220mila posti di lavoro

Consumi: 30 famiglie su 100 pronte a ridurli nel 2009, ma 10 su 100 li aumentano

Crisi, Unioncamere: per il prossimo trimestre l’industria vede meno “nero”

Toscana:

Rapporto sull’economia della Toscana – file pdf.pag. 19

Nota sul commercio estero in Toscana – file pdf pag. 12

Pisa:

Rapporto sull’economia della Provincia di Pisa

Annunci

maggio: 2009
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Contattaci

Circolo Bientina

  • Primarie 2009

Varie Bientina

Siti di area PD

  • Area Dem

Dossier Crisi

Dossier Encicliche Sociali

    Articoli Encicliche - Eletti PD

Dossier Articoli Crisi Economica

  • Pulsante keynesiano
  • Lezioni per il futuro

Documenti Crisi Economia Circolo

  • Crisi Globale
  • Focus Economia

Festa Nazionale PD

Link Iniziative

Web TV

RSS New Wikio

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Libreria Circolo

Le Riviste Disponibili Nel Circolo

Libri Disponibili Nel Circolo

Documenti Vari

Documenti Esterni

  • Rapporti

Workig Papers

Link PD

Sito Nazionale

Gruppi Parlamentari

Unione Provinciale

Unione Regionale

Gruppi Regionali

Iniziative Locali

Link Vari Area PD

    Eletti In Toscana

Programmi

Programma PD

New Agenzie

  • New Google Birmania
      • Rasegna stampa pd
      • ANSA IT
      • ANSA Live UE
    • news google

    Sondaggi e Ricerche

    • ipr marketing

    citizen journal

    Link Vari

    Associazioni

      Osservatori

    Democratici Nel Mondo

    • Logo Democratic
    • Sito Barack Obama
    • Sito Hillary Clinton

    Iniziative Umanitarie



    Organismi – Istituti E Commissioni Di Ricerca

    • Unione Europea
    • censis
    • cnel
    • cnel commissione lavoro
    •  glocus logo
    • ISAE
    • ICE
    • Unicamere
    • logo Airi
    • Eurispes
    • Logo APAT
    • FMI
    • WTO
    • Banca Mondiale

      Commissioni

        • Logo Cefass

    Categorie

    Archivio Per Mese