Il mito degli uguali.

Autore: John Dunn -Editore:Università Bocconi – Anno: 2006 – Pag.210 + XXXVIII – Prezzo: €. 20,00.

Uguaglianza e democrazia. Storia di un equivoco.

La moderna democrazia ha trionfato quando l’ordine dell’egoismo ha sbaragliato l’ordine dell’eguaglianza, spiega John Dunn.

Eppure l’ideale di eliminazione del potere dai rapporti umani è ancora vivo.

Prefazione di Gianni Vattimo con un saggio di Mario Ricciardi.

Fonte: Sito dell’editore.

La democrazia è il fondamento della civiltà che l’Occidente propone al resto del mondo. John Dunn, professore di teoria politica a Cambridge, con Il mito degli uguali.

La lunga storia della democrazia racconta come una parola nata 2.500 anni fa per designare il governo di una realtà circoscritta come quella di Atene e, dopo di allora, vituperata per secoli, abbia potuto diventare il termine con cui, in tutte le lingue del mondo, si definisce oggi l’unico fondamento legittimo dell’autorità politica.

Analizzando l’evoluzione del significato del termine, Dunn si chiede perché una particolare forma di stato, la moderna democrazia rappresentativa capitalista, che tradisce solo pallide somiglianze con quella ateniese, abbia vinto la lotta globale per la ricchezza e il potere.

Ne risulta un testo intellettualmente appassionante, indicato dall’Economist come il miglior libro di scienza politica del 2005 per l’abilità con cui vengono distillate storia e idee, un saggio ricco e sottile che sa selezionare dalla storia del pensiero campioni illustri e scrittori dimenticati, per mettere in scena l’attualissimo dibattito sul significato della democrazia.

Al centro concettuale dello scontro tra le fazioni che si sono contese l’uso del termine democrazia e il controllo politico degli stati che si legittimano attraverso tale termine Dunn colloca il pensiero di “un intemperante aristocratico toscano caduto in rovina, Filippo Michele Buonarroti”.

Nel suo resoconto della Congiura degli Uguali del 1796 Buonarroti delinea chiaramente il conflitto tra un ordine dell’egoismo, secondo cui è solo l’interesse personale a motivare l’uomo, e un ordine dell’uguaglianza, che vede questa come base della socialità e della felicità e si adopera di conseguenza per l’eliminazione di ogni forma di privilegio. È il conflitto che ha opposto i rivoluzionari francesi agli economisti inglesi e, più di recente, il capitalismo al socialismo.

Mentre i sostenitori dell’ordine dell’uguaglianza, nel corso della Rivoluzione francese, si definirono in alcune circostanze democratici, i protagonisti della Rivoluzione americana non lo fecero e, nel processo di definizione della forma istituzionale degli Stati Uniti, rinunciarono coscientemente a promuovere l’uguaglianza assoluta. La loro architettura istituzionale definisce un sistema che non garantisce la sistematica prevalenza ai detentori dei privilegi, ma garantisce loro di poter partecipare ogni volta al processo decisionale da una posizione di vantaggio. Fu questa architettura ad affermarsi, nei secoli successivi, con il nome di democrazia.

La moderna democrazia rappresentativa capitalista si risolve, secondo Dunn, in un governo dei professionisti della politica, reso sopportabile dall’idea che sia il popolo, in ultima istanza, a deciderne la legittimità attraverso le elezioni. Alla libertà degli antichi, ovvero “l’opportunità di fare del proprio meglio per influire sul giudizio sovrano dei concittadini attraverso la pubblica manifestazione delle proprie opinioni”, il capitalismo contrappone “la libertà dei moderni, la libertà di fare ciò che si desidera almeno per una parte considerevole della propria vita”, a patto di delegare le funzioni pubbliche agli specialisti.

Quando hanno avuto la possibilità di scegliere tramite le elezioni, sostiene Dunn, i cittadini stessi hanno finito per preferire la libertà dei moderni a quella degli antichi. “I governi hanno scelto la parola degli eguali, democrazia”, scrive Dunn, “ma i cittadini a essi sottoposti e da cui traevano la propria legittimità, da parte loro, hanno preteso di abbracciare anch’essi l’ordine dell’egoismo”.

La democrazia rappresentativa ha viaggiato, e sta ancora viaggiando, per il mondo seguendo la traiettoria del capitalismo e il fallimento di ogni forma alternativa di organizzazione economica, basata sui presupposti dell’ordine dell’uguaglianza.

Le forme della democrazia rappresentativa capitalista possono costituire “la base più sicura e meno nociva a livello personale su cui fondare nel proprio stato la vita in comune con i concittadini”, ma non può essere solo questo a giustificare, agli occhi di Dunn, il fascino persistente del termine.

Per comprenderlo la democrazia non va intesa solo come forma di governo, ma come ideale politico e in questo caso rivela un significato molto più ampio ed entusiasmante: l’ideale di eliminazione del potere dai rapporti umani.

Se è vero che la democrazia rappresentativa si rivela la migliore forma di difesa dell’ordine dell’egoismo e della disuguaglianza, è anche vero che, negli ultimi 50 anni, il potere è stato estromesso, o almeno ridimensionato, da molti aspetti della vita sociale, primo tra tutti il rapporto tra i due sessi. Ciò accade perché l’ideale politico e l’architettura istituzionale si mettono reciprocamente alla prova di continuo, ridefinendo ogni giorno i confini tra ciò che deve essere considerato costrizione (insopportabile per i cittadini) e ciò che può essere accettato come convinzione, il processo tipicamente adottato dai politici nella democrazia per determinare la condotta dei cittadini.

La flessibilità della moderna democrazia, contrapposta all’estrema rigidità delle forme istituzionali che hanno cercato di tradurre in pratica l’ideale ugualitario, è in definitiva il motivo di un successo che lascia ancora, però, molte aspettative irrealizzate.

Quarta di copertina:

La democrazia non è mai stata così diffusa nel mondo. A partire dal 1945, la sua progressione è stata vistosa in ogni continente. Pochi sono oggi gli stati che non le prestano omaggio, assai di più quelli che ne temono le conseguenze. Eppure nel suo luogo d’origine – l’occidente – la democrazia appare fortemente in crisi. John Dunn traccia la metamorfosi della democrazia dalle sue origini fino alle democrazie liberali di oggi e osserva il paradosso alla base della democrazia rappresentativa contemporanea. Il fallimento della democrazia degli uguali di derivazione europea, che dopo l’illuminismo aveva a lungo dominato la politica continentale, ha lasciato il posto negli ultimi decenni alla democrazia degli egoisti. Il libero mercato ha prodotto ricchezza materiale senza precedenti ma i suoi esiti sono invariabilmente antiegualitari.

Approfondimenti:

L’indice del volume – file pdf pag.1

Tutti i pensatori di Dunn

L’introduzione di John Dunn – file pdf.pag.10

Annunci

dicembre: 2008
L M M G V S D
« Nov   Gen »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Contattaci

Circolo Bientina

  • Primarie 2009

Varie Bientina

Siti di area PD

  • Area Dem

Dossier Crisi

Dossier Encicliche Sociali

    Articoli Encicliche - Eletti PD

Dossier Articoli Crisi Economica

  • Pulsante keynesiano
  • Lezioni per il futuro

Documenti Crisi Economia Circolo

  • Crisi Globale
  • Focus Economia

Festa Nazionale PD

Link Iniziative

Web TV

RSS New Wikio

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Libreria Circolo

Le Riviste Disponibili Nel Circolo

Libri Disponibili Nel Circolo

Documenti Vari

Documenti Esterni

  • Rapporti

Workig Papers

Link PD

Sito Nazionale

Gruppi Parlamentari

Unione Provinciale

Unione Regionale

Gruppi Regionali

Iniziative Locali

Link Vari Area PD

    Eletti In Toscana

Programmi

Programma PD

New Agenzie

  • New Google Birmania
      • Rasegna stampa pd
      • ANSA IT
      • ANSA Live UE
    • news google

    Sondaggi e Ricerche

    • ipr marketing

    citizen journal

    Link Vari

    Associazioni

      Osservatori

    Democratici Nel Mondo

    • Logo Democratic
    • Sito Barack Obama
    • Sito Hillary Clinton

    Iniziative Umanitarie



    Organismi – Istituti E Commissioni Di Ricerca

    • Unione Europea
    • censis
    • cnel
    • cnel commissione lavoro
    •  glocus logo
    • ISAE
    • ICE
    • Unicamere
    • logo Airi
    • Eurispes
    • Logo APAT
    • FMI
    • WTO
    • Banca Mondiale

      Commissioni

        • Logo Cefass

    Categorie

    Archivio Per Mese