Dove c’è oligarchia, c’è sfiducia

di Carlo Carboni

CAPITALISMO FINANZA E ISTITUZIONI

Fonte: newsletter.ilsole24ore.com

Dove c’è oligarchia, c’è sfiducia

Credo sia del tutto inutile oggi evocare il demone del capitalismo finanziario: sarebbe addirittura dannoso per la sinistra rispolverare la sua tradizionale avversione ad esso.

Ma è anche sterile puntare il dito inquisitore contro la politica e lo Stato: farebbe male soprattutto alla destra insistere su un liberismo con evidenti limiti nella regolazione dei mercati finanziari. Più opportuno sarebbe ragionare sui pezzi più importanti che compongono il complesso puzzle che abbiamo di fronte: ad esempio, sui protagonisti della crisi, su quegli spezzoni di nuova classe dirigente che ha “movimentato” e deciso in questo quindicennio.

Manager e politici sono tra le professioni che, negli ultimi 15 anni, sono cresciute a livello percentuale più di altre: stiamo parlando di oltre 500mila soggetti in Italia, se consideriamo che i politici sono da 300 a 400mila, i manager privati intorno ai 150mila, ai quali vanno aggiunti dirigenti e manager nel settore pubblico (all’incirca 20mila). Sono le professioni emergenti, con compensi “di punta” fantastici, che hanno acceso l’immaginario di chi pensa al proprio futuro professionale; anche nei consumi hanno contribuito a portare nuove tendenze, privilegiando quelli più esclusivi. Manager e politici, con le loro élite, hanno insomma costituito un segmento importante delle nostre classi dirigenti del recente passato e perciò del presente.

Vale la pena riflettere su che cosa accomuni queste professioni, oltre il trend emergente, che ha prodotto delle élite composte da veri e propri “uomini d’oro”.

Un primo fattore comune è che le élite di queste professioni – Ceo e ceti politici ristretti – fanno parte di quella classe dirigente a cui è esplicitamente richiesto di esserlo. È richiesto al manager di pilotare e gestire una società, al politico mediante un mandato elettorale. In secondo luogo, il vero comune denominatore che accomuna manager e politici e i loro leader sono le relazioni e, più precisamente, la qualità delle relazioni e delle conoscenze nei labirinti istituzionali dell’autorità e del potere, nei salotti che contano, eccetera. Per cui spesso queste professioni acquistano l’ultrapotere dell’ubiquità nei ruoli, in virtù della forza delle relazioni, segnalata, ad esempio, dalla consistenza dei manager tra i parlamentari (porte girevoli) e viceversa (pantouflage).

Non è stato solo il credito educativo la loro carta vincente, ma piuttosto le relazioni guadagnate “sul campo”.

In termini sociologici, questa capacità relazionale è il capitale sociale individuale. Sono quindi due professioni di rete, destinate – con le loro élite – a governare il decision making di network strategici (economici, politici, informativi). Perciò manager e politici sono i veri demiurghi del capitalismo relazionale che ha trasformato l’economia e la società negli ultimi 15-20 anni.

Hanno mostrato capacità di modernizzare, soprattutto utilizzando leve finanziarie e tecnologiche, ma l’importanza della relazionalità ha spesso inquinato – con l’arbitrio e responsabilità diverse – le regole di mercato.

Oggi tutto questo è evidente nel resoconto degli errori commessi dai superpoteri e dai leader della finanza, così come è evidente il malessere democratico e la sfiducia verso la politica che affliggono i cittadini in quasi tutto il Vecchio Mondo.

I risultati di questa classe dirigente sono tutt’altro che incoraggianti e aprono importanti interrogativi e scetticismi sugli eccessi del capitalismo relazionale (e del mercato politico) e sulla delega fiduciaria.

Sarà difficile affrontare una crisi finanziaria con i livelli di sfiducia che colpiscono questi decisori in campo economico e politico.

Dalle nostre ricerche sulle classi dirigenti italiane (primo e secondo Rapporto Luiss) si ricava che i Ceo di banche e finanza, così come i politici, sono in debito d’ossigeno in termini di fiducia accordata loro dalla popolazione (sotto il 20% per entrambi e circa 10 punti in meno rispetto solo a otto anni fa).

Popolazione e classi dirigenti sono poi d’accordo che le reti finanziarie, bancarie e quelle politiche sono tra le dimensioni sociali in cui il merito è meno riconosciuto.

La popolazione infine concorda con le classi dirigenti da noi intervistate che l’oligarchia finanziaria debba in futuro contare meno.

Forse dalle macerie della finanza “feudale” nascerà e si forgerà una nuova classe dirigente.

Forse impareremo la lezione di rendere prescrittivo il merito, innanzitutto per coloro che ricevono potere in delega, che andrebbero attentamente valutati, selezionati e non cooptati, com’è accaduto in passato, quando si è guardato più alla fedeltà che alla competenza e all’integrità morale.

Ci aspettiamo grandi cambiamenti nel senso di responsabilità delle professioni e delle classi dirigenti emergenti, soprattutto generosità per contrastare la grave situazione che essi hanno contribuito a creare.

c.carboni@univpm.it

Approfondimenti:

PD Nazionale :

Carlo Carboni. Élite e classi dirigenti in Italia Slide PTT pag.23

È qui la nuova classe dirigente. I trentenni della Summer School

Classi dirigenti e società: due facce della stessa medaglia

I Libri di Carlo Carboni recensiti sul nostro sito:

Società Cinica – Le classi dirigenti italiane nell’epoca dell’antipolitica

Élite e classi dirigenti in Italia

Carlo Carboni, Facoltà di Economia “Giorgio Fuà” di Ancona e Luiss di Roma Élite e classi dirigenti in Italia – Slide pdf. pag. 21

Ricerche e Rapporti:

Demos&Pi: XVII Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani Le classi sociali e il senso del declino

Rapporto LUISS 2008. Generare Classe Dirigente

Articoli:
Rapporto Luiss: fondamentale il merito, ma a volte le raccomandazioni contano di più

Autoreferenziale, utilitarista e in crisi La classe dirigente non piace e fa autocritica

I dirigenti? Sono uomini e settantenni

Ricambio: Primo Rappor to Louiss sulla generazio ne di una leadershep forte – file pdf pag.2

Annunci

ottobre: 2008
L M M G V S D
« Set   Nov »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Contattaci

Circolo Bientina

  • Primarie 2009

Varie Bientina

Siti di area PD

  • Area Dem

Dossier Crisi

Dossier Encicliche Sociali

    Articoli Encicliche - Eletti PD

Dossier Articoli Crisi Economica

  • Pulsante keynesiano
  • Lezioni per il futuro

Documenti Crisi Economia Circolo

  • Crisi Globale
  • Focus Economia

Festa Nazionale PD

Link Iniziative

Web TV

RSS New Wikio

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Libreria Circolo

Le Riviste Disponibili Nel Circolo

Libri Disponibili Nel Circolo

Documenti Vari

Documenti Esterni

  • Rapporti

Workig Papers

Link PD

Sito Nazionale

Gruppi Parlamentari

Unione Provinciale

Unione Regionale

Gruppi Regionali

Iniziative Locali

Link Vari Area PD

    Eletti In Toscana

Programmi

Programma PD

New Agenzie

  • New Google Birmania
      • Rasegna stampa pd
      • ANSA IT
      • ANSA Live UE
    • news google

    Sondaggi e Ricerche

    • ipr marketing

    citizen journal

    Link Vari

    Associazioni

      Osservatori

    Democratici Nel Mondo

    • Logo Democratic
    • Sito Barack Obama
    • Sito Hillary Clinton

    Iniziative Umanitarie



    Organismi – Istituti E Commissioni Di Ricerca

    • Unione Europea
    • censis
    • cnel
    • cnel commissione lavoro
    •  glocus logo
    • ISAE
    • ICE
    • Unicamere
    • logo Airi
    • Eurispes
    • Logo APAT
    • FMI
    • WTO
    • Banca Mondiale

      Commissioni

        • Logo Cefass

    Categorie

    Archivio Per Mese