Crisi:Crollano le borse, la Gran Bretagna è in recessione certificata. Famiglie Italiane in crisi con i tassi sul microcredito

Wall Street, per la prima volta da 10 anni sospesi i futures.

Un altro venerdì nero. Sui mercati internazionali si sta consumando un’altra tragica giornata per l’economia mondiale. Già le Borse asiatiche avevano chiuso malissimo:

Tokyo ha perso il 9,6%, Seul il 10,5% ed Hong Kong il 4,66%.

E le piazze europee non vanno meglio.

Parigi a -4,8%, Francoforte -5,5%, Londra a –3 – e si va avanti solo peggiorando. La situazione più drammatica è a Francoforte che all’ora di pranzo perdeva il 10 per cento.

A Parigi, il titolo della Renault sta perdendo quasi il 20 per cento dopo l’annuncio che la casa automobilistica chiuderà per due settimane alcuni stabilimenti per ridurre la produzione.

A far crollare i listini, oltre alle brutte notizie da Oriente, anche un dato molto più vicino a casa nostra: la Gran Bretagna è in recessione certificata. Visto che il Pil della Gran Bretagna nel terzo trimestre che ha ufficialmente certificato una recessione tecnica per l’economia Uk.  La sterlina perde sul mercato delle valute, con il maggior calo da 37 anni ad oggi.

Il Pil britannico ha perso lo 0,5 per cento e per la prima volta dal 1992 viene sancita la recessione tecnica.

La notizia, oltre a Francoforte, fa crollare Milano, che perde il 7 per cento e che ha sospeso per eccesso di ribasso titoli come Telecom Italia ed Eni.

A Mosca gli scambi sono stati sospesi per un’ora, a causa del crollo delle quotazioni.

Vale “poco” perfino il petrolio, scambiato poco sopra i 63 dollari al barile: l’Opec ha deciso di tagliare la produzione di 1,5 milioni di barili a partire dal prossimo primo novembre.

Anche Wall Street subisce gli effetti della crisi: prima dell’apertura, i futures sono stati già congelati per eccesso di ribasso.

Il Dow Jones era arrivato a perdere il 6,3%, quindi si è scelto di bloccare i futures per evitare che la seduta regolare si aprisse con perdite vertiginose. Non si verificava da oltre dieci anni.

FAMIGLIE ITALIANE IN CRISI CON I TASSI DI INTERESSE APPLICATI SUL MICROCREDITO,

ATTENZIONE AI COSTI SUI PICCOLI PRESTITI E SULLE CARTE DI CREDITO.

La crisi sta scendendo come una valanga sull’economia reale colpendo i più disagiati del cosidetto popolo a reddito fisso.

Al peggio non c’è mai fine: le famiglie Italiane sono schiacciate dal credito pesante a causa di una legge assurda,che lascia le maglie larghe sui tassi di interesse alle banche e alle finanziarie.

Un ottimo sitema per recuperare le perdite da mettere in bilancio e successivamente agire per il recupero del credito sul quinto dello stipendio.

Euroribor a tre mesi

La frenata dei consumi si fa sentire sul trend di crescita del credito al consumo mentre i clienti sono alle prese con le nuove griglie di valutazione.

Sui prestiti finalizzati la domanda è già scesa e anticipa la recessione mentre sulla cessione del quinto occorre fare attenzione alle offerte fuorilegge e, per chi preferisce le carte di credito, le politiche di marketing si fanno meno aggressive e i clienti possono pagare anche il 25% restando sotto il tetto di usura.

La legge  identifica come tassi dI usura quelli che superano la soglia del 50% dela rivelazione della Banca d’Italia (vedi tabella allegata – Tabella tassi usura dal 31/10/2008 al31/12/2008 ). Una legge sempre al rialzo sopratutto di questi tempi, la rivelazione della Banca D’Italia è la media dei tassi praticati sul mercato.

In questo paese bancocentrico, di liberalisti c’è ne sempre stati pochi,molto di più invece sono i politici amici dei banchieri che non disdegnano leggi strampalate attuate con la mano visibilissima della politica.

Come sempre accade i costi di queste strane leggi in favore della potente e nota lobby bancaria, ricade sulle spalle dei cittadini in maggiore difficoltà e sempre meno noti ai politici di turno.

Annunci

ottobre: 2008
L M M G V S D
« Set   Nov »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Contattaci

Circolo Bientina

  • Primarie 2009

Varie Bientina

Siti di area PD

  • Area Dem

Dossier Crisi

Dossier Encicliche Sociali

    Articoli Encicliche - Eletti PD

Dossier Articoli Crisi Economica

  • Pulsante keynesiano
  • Lezioni per il futuro

Documenti Crisi Economia Circolo

  • Crisi Globale
  • Focus Economia

Festa Nazionale PD

Link Iniziative

Web TV

RSS New Wikio

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Libreria Circolo

Le Riviste Disponibili Nel Circolo

Libri Disponibili Nel Circolo

Documenti Vari

Documenti Esterni

  • Rapporti

Workig Papers

Link PD

Sito Nazionale

Gruppi Parlamentari

Unione Provinciale

Unione Regionale

Gruppi Regionali

Iniziative Locali

Link Vari Area PD

    Eletti In Toscana

Programmi

Programma PD

New Agenzie

  • New Google Birmania
      • Rasegna stampa pd
      • ANSA IT
      • ANSA Live UE
    • news google

    Sondaggi e Ricerche

    • ipr marketing

    citizen journal

    Link Vari

    Associazioni

      Osservatori

    Democratici Nel Mondo

    • Logo Democratic
    • Sito Barack Obama
    • Sito Hillary Clinton

    Iniziative Umanitarie



    Organismi – Istituti E Commissioni Di Ricerca

    • Unione Europea
    • censis
    • cnel
    • cnel commissione lavoro
    •  glocus logo
    • ISAE
    • ICE
    • Unicamere
    • logo Airi
    • Eurispes
    • Logo APAT
    • FMI
    • WTO
    • Banca Mondiale

      Commissioni

        • Logo Cefass

    Categorie

    Archivio Per Mese