Ocse:l’Italia tra i peggiori per la disuguaglianza economica, disuguaglianza che incide sul cibo.

Fonte: OCSE

Ocse, l’Italia tra i peggiori per la disuguaglianza economica

Secondo il rapporto ‘Growing Unequal’ nel nostro Paese dagli anni ’80 a oggi il gap tra le classi sociali è cresciuto del 33% contro la media Ocse del 12%.

Negli ultimi anni in Italia si è pesantemente aggravato il divario tra ricchi e poveri.

Secondo il rapporto dell’Ocse Growing Unequal?, che analizza la distribuzione del reddito e la povertà all’interno dei 30 Paesi che compongono l’organizzazione, l’Italia è infatti al sesto posto per il gap tra le classi sociali, dopo Messico, Turchia, Portogallo, Stati Uniti e Polonia.

La disuguaglianza economica è cresciuta del 33 per cento dalla metà degli anni Ottanta a oggi, contro una media Ocse del 12 per cento.

Un dato sul quale hanno inciso pochissimo le recenti misure adottate a favore dei più poveri, che pure gli autori del Rapporto elogiano, sottolineando come solo tre Paesi Ocse, tra i quali appunto l’Italia, negli ultimi 10 anni abbiano varato misure per sostenere i redditi più bassi. Ma le misure non hanno inciso nel dato di fondo: “I ricchi hanno beneficiato maggiormente della crescita sociale rispetto ai poveri o alle classi medie”.

La povertà favorisce naturalmente l’esclusione, e pertanto la mobilità tra le classi sociali “è più bassa in Italia rispetto a paesi come l’Australia o la Danimarca. Si legge nel rapporto.I figli di genitori poveri hanno molte meno probabilità di accedere alla ricchezza”.

La ricchezza è distribuita in modo anche più diseguale delle entrate:
infatti in Italia il 10 per cento dei più abbienti possiede il 42 per cento della ricchezza totale e il 28 per cento delle entrate globali.

In effetti dal rapporto Ocse emerge un generale aumento della disuguaglianza in tutti i Paesi del mondo.
Il gap si è allargato, oltre che in Italia, anche in Canada e in Germania, mentre è diminuito in Messico, Grecia e Regno Unito.

Ma in Italia i dati di riferimento sono notevolmente peggiori:

“Il reddito medio del 10 per cento degli italiani più poveri è di circa 5.000 dollari (l’equivalente di circa 3770 euro ndr), tenuto conto della parità del potere di acquisto, quindi sotto la media Ocse di 7.000 dollari (l’equivalente di circa 5.280 euro, ndr).

Il reddito medio del 10 per cento più ricco è circa 55.000 dollari (l’equivalente di circa 41.500 euro, ndr), sopra la media Ocse”.

In Italia si è registrato, rileva l’Ocse, una riduzione del tasso di povertà dei bambini, che tra la metà degli anni Novanta e il 2005 è diminuito dal 19 al 15 per cento.

Solo nel Regno Unito si è avuto un calo di queste dimensioni, si legge nel rapporto: però un tasso di povertà infantile del 15 per cento “è ancora sopra il tasso medio Ocse del 12 per cento”.

Le differenze, dimostra un’indagine Coldiretti, emergono anche a tavola.

rescono infatti da un lato gli acquisti di prodotti a basso prezzo e dall’altro di alta qualità.

Le disuguaglianze di reddito e ricchezza incidono sul nutrimento degli Italiani.

Da un’indagine Coldiretti – Swg sui consumi alimentari emerge infatti che la crisi economica sta provocando una polarizzazione nei consumi alimentari e se da un lato cresce in numero di quanti sono costretti a ricercare prodotti a più basso prezzo, dall’altro si assiste ad un consolidamento della domanda di prodotti di alta qualità, tradizionalmente acquistati da fasce di cittadini a più alto reddito.

“La metà di coloro che hanno cambiato le proprie abitudini alimentari per effetto della crisi economica lo hanno fatto – sottolinea la Coldiretti – cambiando i luoghi della spesa a favore di bancarelle ed hard discount e modificando il tipo di alimenti acquistati con conseguenze sulla dieta e sulla qualità dell’alimentazione.

Ma dall’altra parte, aumenta la domanda di prodotti di elevata qualità e cresce dell’8 per cento la percentuale dei cittadini che acquista regolarmente prodotti a denominazione di origine (sono il 28 per cento) e del 23 per cento di quelli che comperano cibi biologici, i quali però interessano una fetta più ridotta della popolazione (il 16 per cento)”.

STRUTTURA DEI CONSUMI ALIMENTARI DELLE FAMIGLIE EURO/MESE Prodotti

Carne 107 euro -Pane e trasformati di cereali 79 euro -Latte, formaggi e uova 62 euro – Ortaggi, frutta e patate 84 euro -Pesce 42 euro – Zucchero, dolciari e caffè 32 euro – Bevande 42 euro – Oli e grassi 18 euro – In totale 466 euro.

Annunci

ottobre: 2008
L M M G V S D
« Set   Nov »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Contattaci

Circolo Bientina

  • Primarie 2009

Varie Bientina

Siti di area PD

  • Area Dem

Dossier Crisi

Dossier Encicliche Sociali

    Articoli Encicliche - Eletti PD

Dossier Articoli Crisi Economica

  • Pulsante keynesiano
  • Lezioni per il futuro

Documenti Crisi Economia Circolo

  • Crisi Globale
  • Focus Economia

Festa Nazionale PD

Link Iniziative

Web TV

RSS New Wikio

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Libreria Circolo

Le Riviste Disponibili Nel Circolo

Libri Disponibili Nel Circolo

Documenti Vari

Documenti Esterni

  • Rapporti

Workig Papers

Link PD

Sito Nazionale

Gruppi Parlamentari

Unione Provinciale

Unione Regionale

Gruppi Regionali

Iniziative Locali

Link Vari Area PD

    Eletti In Toscana

Programmi

Programma PD

New Agenzie

  • New Google Birmania
      • Rasegna stampa pd
      • ANSA IT
      • ANSA Live UE
    • news google

    Sondaggi e Ricerche

    • ipr marketing

    citizen journal

    Link Vari

    Associazioni

      Osservatori

    Democratici Nel Mondo

    • Logo Democratic
    • Sito Barack Obama
    • Sito Hillary Clinton

    Iniziative Umanitarie



    Organismi – Istituti E Commissioni Di Ricerca

    • Unione Europea
    • censis
    • cnel
    • cnel commissione lavoro
    •  glocus logo
    • ISAE
    • ICE
    • Unicamere
    • logo Airi
    • Eurispes
    • Logo APAT
    • FMI
    • WTO
    • Banca Mondiale

      Commissioni

        • Logo Cefass

    Categorie

    Archivio Per Mese