I liberalismi e la variante senza diritti civili

13 settembre 2008 Dalla scuola estiva del PD

C’è bisogno di interpretazione alternativa del liberalismo. C’è bisogno di un dibattito su che tipo democrazia e società vogliamo.”

La relazione della prof.ssa Nadia Urbinati alla Summer School, tenuta in videoconferenza, con alcune interruzioni per problemi di linea, ha ad oggetto l’analisi della possibilità di declinare in modi differenti il liberalismo rispetto al classico liberismo economico . In altre parole, come si domanda la relatrice, “il liberalismo ha per forza un’uscita liberista e individualista?”

Dall’analisi emergono molte possibilità, dalla “variante” classica a quella sociale, per arrivare addirittura a quella anarchica.

L’analisi inizia logicamente dal liberalismo economico, individualista, come viene definito durante la conferenza, che trova la sua massima espressione negli anni ’80, durante i governi di Reagan e Tatcher.

“Il suo sviluppo determina la creazione di un sistema che tende al monopolio e che contraddice quindi le sue stesse premesse. Diventa fondamentale quindi l’attività di arbitro dello stato.”

Si prosegue con il liberalismo sociale che nasce in Inghilterra.

Secondo i suoi sostenitori lo stato deve correggere le storture che impediscono ai proprietari il godimento dei frutti delle loro proprietà.

La cittadinanza diventa responsabile verso gli altri e non solo verso se stessa.

Si inizia ad abbandonare l’individualismo. Ci sono, infatti, responsabilità sociali dei cittadini verso gli altri cittadini. Gli ambiti toccati si ampliano progressivamente: dalla sanità fino all’istruzione.

A questo punto la prof. ssa Urbinati si domanda se “quello che oggi chiamiamo colbertismo, protezionismo o, come lo rinomina la relatrice stessa, liberalismo restauratore, sia coerente con i fondamenti liberali.”

In Italia l’attuale maggioranza si comporta come un governo di matrice liberal-restauratrice ed ha una velleità rivoluzionaria. Si basa su un modello restauratore perché crea paura per poi fare provvedimenti per risolvere quella paura, con misure speciali continue, facendo di situazioni straordinarie la normalità.

Prendiamo ad esempio il “Libro verde” del ministro Sacconi.

Si prefigura uno stato dirigista che “impone” politiche liberiste e, per i bisognosi, propone politiche di soccorso. “I cittadini continuano ad essere titolari di diritti sociali, ma solo in quanto bisognosi. Gli aiuti sono per lo più monetizzati, come negli Usa, dove vengono destinati ad ogni bisognoso qualche centinaio di dollari e non servizi.”

In sostanza lo stato sociale, come erogatore di servizi, viene ristretto e penalizzato. “La cittadinanza come grappolo di diritti civili viene spazzata via”.

Si cambiano, cioè, i fondamenti del nostro stato. Con le varie misure adottate e previste in questa variante del liberalismo, lo stato delega alle entità comunitarie create dai cittadini, non ai singoli individui, la cura dei diritti (comunità, chiese, corporazioni, associazioni, comunità etniche). E’ il principio di sussidiarietà, che contempla la compresenza di comunitarismo e liberalismo economico.

Per ora risulta vincente il liberalismo restauratore, non solo in Italia. Si può battere questa visione del liberismo che non appare utile ed efficace solo interpretando in modo alternativo il liberalismo. Quindi “c’è bisogno di un dibattito su che tipo di democrazia e società vogliamo.”

Annunci

settembre: 2008
L M M G V S D
« Ago   Ott »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Contattaci

Circolo Bientina

  • Primarie 2009

Varie Bientina

Siti di area PD

  • Area Dem

Dossier Crisi

Dossier Encicliche Sociali

    Articoli Encicliche - Eletti PD

Dossier Articoli Crisi Economica

  • Pulsante keynesiano
  • Lezioni per il futuro

Documenti Crisi Economia Circolo

  • Crisi Globale
  • Focus Economia

Festa Nazionale PD

Link Iniziative

Web TV

RSS New Wikio

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Libreria Circolo

Le Riviste Disponibili Nel Circolo

Libri Disponibili Nel Circolo

Documenti Vari

Documenti Esterni

  • Rapporti

Workig Papers

Link PD

Sito Nazionale

Gruppi Parlamentari

Unione Provinciale

Unione Regionale

Gruppi Regionali

Iniziative Locali

Link Vari Area PD

    Eletti In Toscana

Programmi

Programma PD

New Agenzie

  • New Google Birmania
      • Rasegna stampa pd
      • ANSA IT
      • ANSA Live UE
    • news google

    Sondaggi e Ricerche

    • ipr marketing

    citizen journal

    Link Vari

    Associazioni

      Osservatori

    Democratici Nel Mondo

    • Logo Democratic
    • Sito Barack Obama
    • Sito Hillary Clinton

    Iniziative Umanitarie



    Organismi – Istituti E Commissioni Di Ricerca

    • Unione Europea
    • censis
    • cnel
    • cnel commissione lavoro
    •  glocus logo
    • ISAE
    • ICE
    • Unicamere
    • logo Airi
    • Eurispes
    • Logo APAT
    • FMI
    • WTO
    • Banca Mondiale

      Commissioni

        • Logo Cefass

    Categorie

    Archivio Per Mese