Bersani a Cernobbio

Cernobbio 16/03/2008

 “La politica è debole, ecco come evitare la recessione”

 “Paghiamo 140.000 miliardi di vecchie lire di interesse solo sul debito pubblico, abbiamo una politica debole, istituzioni deboli e investimenti pubblici non adeguati”.

A Cernobbio il ministro per lo sviluppo economico Pierluigi Bersani ha elencato i problemi italiani: “Primo l’inadeguata stabilità degli investimenti. Poi abbiamo risorse che sono sempre troppo poche, non abbiamo soldi per fare tutto quanto avremmo bisogno, mentre il nostro debito vola”.

Tuttavia l’esponente del PD non è pessimista: “Si possono ridurre le spese nella pubblica amministrazione. E’ virtuosa quando ha meno risorse, se a questo aggiungiamo anche la buona fedeltà fiscale che si sta facendo largo nel Paese io credo di poter dire che siamo in grado di affrontare anche questa tempesta”.

Molta fiducia Bersani la ripone nel parlamento venturo. “Diciamocelo chiaro – ha detto – se siamo tre o quattro partiti io non ho dubbi che affronteremo rapidamente il tema della riforma elettorale, quello della riforma costituzionale, quello di un taglio dei centri decisionali per velocizzare la politica e i servizi che essa deve dare, costruire un sistema di trasferimenti più efficiente nei centri di spesa”.

Per Bersani bisognerà continuare anche la politica di liberalizzazioni avviata nel 2006. “Il programma del Popolo della Libertà costa il doppio del nostro. Tremonti dice che noi siamo a Disneyland mentre c’è la crisi. Com’è, allora, che il loro programma costa il doppio del nostro? Come si fa a dire che noi immaginiamo Disneyland se loro vedono le nuvole?“.

L’euro forte è stato un bene, ora più flessibilità. “Il sistema dell’euro forte è stato un’asticella, l’abbiamo saltata: non lamentiamoci di una politica rigorosa dal lato dell’euro perchè alla fine fa bene. Il problema – ha aggiunto Bersani – è quando l’asticella comincia ad arrivare a un livello in cui viene l’istinto di passarci sotto. Per questo credo che a questo punto un elemento di maggiore flessibilità nelle valutazioni della Bce sarebbe, auspicabile”.

Dal centrodestra un’Alitalia disastrata. “La situazione lasciata in mano agli ipercritici per cinque anni ci ha consegnato un’Alitalia al disastro e un sistema aeroportuale che si è sviluppato in modo anarchico sino a vanificare il concetto stesso di hub di Malpensa”.

Bersani è stato infatti ministro dei Trasporti fino al 2001: “Quando sono andato via, negli ultimi tre anni, Alitalia aveva i conti in nero e non in rosso, aveva fatto il trasferimento dei voli a Malpensa, con opposizioni da ogni lato, e con la clausola trattata con l’Ue per ridiscutere il sistema aeroportuale”.

Bersani striglia il Nord “Uno scalo ogni 50 km è anarchia aeroportuale” 

 Il ministro Pierluigi Bersani corre veloce lungo i corridoi dell´albergo di Villa d´Este, al Forum Confcommercio di Cernobbio. Ha fretta perché deve tornare in Emilia per la campagna elettorale. Eppure la storia di come l´Alitalia sia finita male e di come Malpensa invece di diventare un hub rischi di finire in serie B gli è rimasta sullo stomaco.

E allora ne parla, allungando il passo: «Ho fatto il ministro dei Trasporti fino al 2001 – esordisce Bersani – e quando me ne sono andato via l´Alitalia aveva da tre anni i bilanci in utile mentre nel frattempo avevamo realizzato il trasferimento dei voli a Malpensa».

Però, signor ministro, molti di quei voli da Malpensa non sono mai partiti. O no?
«La scelta del governo successivo, la scelta degli enti locali, è stata diversa. Hanno preferito l´anarchia aeroportuale».

Il governo successivo era quello di Berlusconi, vogliamo dirlo?
«E allora diciamolo».A questo punto il ministro rallenta e si guarda intorno. Siamo al bar. Poi guarda l´orologio: non c è tempo nemmeno per un caffè.

Cosa vuol dire “anarchia aeroportuale”?
«Vuol dire che al Nord c´è un aeroporto ogni 50 chilometri. E che ognuno persegue i suoi interessi localistici. Come è possibile fare un hub con tutti quegli aeroporti lì se ognuno tira dalla sua parte?».

Ce lo dica lei, ministro Bersani: come si può fare?
«Non è possibile. Guardi, già allora c´era un sacco di opposizione da parte di quelli del Nord. Eppure anche io sono del Nord e mi avrebbe fatto piacere un hub nel centro della pianura padana. E pensare che avevo ottenuto dalla Ue la concessione a ridiscutere il sistema aeroportuale italiano in ragione delle esigenze del nostro Paese».

Un successo?
«Un occasione persa, sprecata. Questa opportunità è stata lasciata per cinque anni in mano agli ipercritici di oggi (il centrodestra, ndr) che hanno consegnato l´Alitalia al disastro e hanno vanificato il concetto di hub per Malpensa».

Senta, signor ministro, lo dica per una buona volta: lei voleva trasferire i voli da Linate a Malpensa?
«Volevo farlo, sì. E trasformare Malpensa in un vero hub».

E il centrodestra, sia a Roma sia a Milano, non l´ha fatto. I voli non hanno “traslocato”.

E´ questo che vuole dirci anche durante una compagna elettorale come questa ammantata di fair play?
«Questa è la storia, non c´è dubbio».

A questo punto Bersani guarda l´orologio di nuovo, si smarca da una telecamera.

E adesso come si può uscire dall´impasse?
«Intanto bisogna disgiungere il destino di Malpensa da quello di Alitalia».

E il passo successivo?
«Occorre aprire un tavolo fra governo, enti locali e forze sociali nel quale gli enti locali devono dire quale è la scelta da fare per Malpensa».

Ma non dicono tutti che vogliono fare l´hub?
«Si, lo dicono: questo è il punto. Occorre che alle parole seguano i fatti. In ogni caso c´è bisogno di chiarezza: gli enti locali vogliono un sistema a pettine con un aeroporto ogni 50 chilometri? Lo dicano. E se invece vogliono veramente l´hub si comportino di conseguenza».

Si è fatto tardi. Usciamo nel giardino e Bersani allunga ancora il passo. Ormai è impossibile raggiungerlo.

Annunci

marzo: 2008
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Contattaci

Circolo Bientina

  • Primarie 2009

Varie Bientina

Siti di area PD

  • Area Dem

Dossier Crisi

Dossier Encicliche Sociali

    Articoli Encicliche - Eletti PD

Dossier Articoli Crisi Economica

  • Pulsante keynesiano
  • Lezioni per il futuro

Documenti Crisi Economia Circolo

  • Crisi Globale
  • Focus Economia

Festa Nazionale PD

Link Iniziative

Web TV

RSS New Wikio

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Libreria Circolo

Le Riviste Disponibili Nel Circolo

Libri Disponibili Nel Circolo

Documenti Vari

Documenti Esterni

  • Rapporti

Workig Papers

Link PD

Sito Nazionale

Gruppi Parlamentari

Unione Provinciale

Unione Regionale

Gruppi Regionali

Iniziative Locali

Link Vari Area PD

    Eletti In Toscana

Programmi

Programma PD

New Agenzie

  • New Google Birmania
      • Rasegna stampa pd
      • ANSA IT
      • ANSA Live UE
    • news google

    Sondaggi e Ricerche

    • ipr marketing

    citizen journal

    Link Vari

    Associazioni

      Osservatori

    Democratici Nel Mondo

    • Logo Democratic
    • Sito Barack Obama
    • Sito Hillary Clinton

    Iniziative Umanitarie



    Organismi – Istituti E Commissioni Di Ricerca

    • Unione Europea
    • censis
    • cnel
    • cnel commissione lavoro
    •  glocus logo
    • ISAE
    • ICE
    • Unicamere
    • logo Airi
    • Eurispes
    • Logo APAT
    • FMI
    • WTO
    • Banca Mondiale

      Commissioni

        • Logo Cefass

    Categorie

    Archivio Per Mese